E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

mercoledì, luglio 06, 2016

L’INDAGINE CISCO: TRA 4 ANNI LE PERSONE CONNESSE A INTERNE SUPERERANNO I 4 MILIARDI!



Oristano 6 Luglio 2016
Cari amici,
 La “Rete” ormai avvolge il mondo tra le sue spire! Ogni giorno che passa le connessioni aumentano a ritmo vertiginoso e le previsioni più attendibili ipotizzano oltre 4 Miliardi di persone che utilizzeranno Internet per le ragioni più svariate entro il 2020. Le previsioni sono attendibili: le mette sul tappeto CISCO (Visual Networking Index), secondo il quale entro quattro anni le persone connesse a Internet (da mobile e fisso) saranno oltre 4 MD, con un traffico dati che triplicherà rispetto a quello attuale. Si entrerà così nell'era degli Zettabyte: in rete entro il 2020 circoleranno 2,3 ZB di dati.
Nei dettagli CISCO precisa che in Italia nel 2020 la popolazione connessa a Internet supererà i 42 milioni di persone, portando così la penetrazione informatica dal 64% del 2015 al 71%. La crescita globale del traffico Internet nel mondo sarà fortemente trainata dai video: i consumi aumenteranno globalmente di quattro volte (Italia compresa) e rappresenteranno nel 2020 l'82% del traffico 'consumer' (nel 2015 era il 68%). Il traffico generato dalla realtà virtuale, pensate, si è quadruplicato negli scorsi anni e crescerà di 61 volte entro il 2020!
Insomma, la trasformazione del mondo in “digitale”, soprattutto attraverso l’adozione di dispositivi personali e l’attivazione di connessioni M2M (machine-to-machine), avrà un impatto sempre maggiore sulla crescita del traffico. Nel corso dei prossimi quattro anni, le reti IP globali supporteranno fino a 10 miliardi di nuovi dispositivi e connessioni, passando da 16,3 miliardi nel 2015 a 26,3 miliardi entro il 2020. Secondo le proiezioni, i dispositivi e le connessioni pro-capite saranno 3,4 entro il 2020, rispetto ai 2,2 nel 2015.
In Italia saranno 482,3 milioni i nuovi dispositivi connessi nel 2020, rispetto ai 276,9 del 2015, con 8,1 dispositivi connessi a testa, rispetto a 4,6 del 2015: difficile a credersi ma è un dato molto vicino alla realtà. In effetti attraverso Internet ormai si muove un po’ tutto: le applicazioni come la videosorveglianza, i contatori intelligenti, le soluzioni digitali per il monitoraggio della salute così come un'altra miriade di servizi; la tecnologia M2M sta generando nuove capacità nella rete e una crescita incredibile del relativo traffico. Le innovazioni nell’ambito dell’Internet of Things (IoT) continuano a crescere, favorendo l’aumento del traffico IP nel mercato. Questo ha portato a calcolare che nella globalità le connessioni M2M cresceranno di quasi tre volte, passando da 4,9 miliardi nel 2015 a 12,2 miliardi entro il 2020, rappresentando circa la metà (46%) del totale di dispositivi connessi.
In Italia, i moduli M2M nel 2020 rappresenteranno il 66% (316.0 milioni) di tutti i dispositivi connessi rispetto al 50% (138.4 milioni) del 2015, pari a una crescita annua del 18% (CAGR). Il segmento consumer dei dispositivi medici connessi sarà il settore con la maggior crescita (a cinque cifre) di connessioni M2M, che passano dai 144 milioni del 2015 ai 729 milioni del 2020. Globalmente il segmento dei dispositivi home connessi registrerà il più grande volume di connessioni M2M: dai 2,4 miliardi di connessioni del 2015 si passerà ai 5,8 miliardi previste per il 2020. I volumi sono in forte crescita in tutti i settori.
I servizi e i contenuti video continueranno ad essere le applicazioni dominanti rispetto a tutte le altre. Il video su Internet rappresenterà il 79% del traffico Internet globale entro il 2020, rispetto al 63% nel 2015 (lo stesso in Italia, dove il traffico video rappresenterà il 79% del traffico Internet complessivo, in salita dal 60% del 2015). “La trasformazione digitale sta toccando miliardi di consumatori e utenti aziendali di tutto il mondo”, ha commentato Doug Webster, Vice President of service provider marketing di Cisco. “L’innovazione è fondamentale per Cisco e per i propri service provider clienti per fornire servizi e esperienze scalabili, sicure e di elevata qualità su tutti i tipi di infrastrutture di rete a banda larga”.
Che dire, cari amici, un traguardo davvero importante quello che si sta per raggiungere, anche se per ora limitato ai Paesi così detti “sviluppati”; sono ancora tante, infatti, nel mondo le persone che ancora non possono utilizzare Internet: ad oggi sono quantificate in oltre 4 miliardi, dislocate in particolare nei Paesi meno sviluppati. Questi i dati forniti nel rapporto steso da “Alliance for Affordable Internet” (A4AI), una coalizione formata nel 2013 da Google, Facebook, Microsoft, Intel e Cisco, con il fine di costruire una rete alla portata di tutti.
Il diritto di accesso universale a Internet è stato sancito dalle Nazioni Unite nel Settembre 2015, in occasione dell’ultimo Summit sullo sviluppo sostenibile, che fissò per il raggiungimento del traguardo proprio il 2020. Periodo troppo breve (5 anni) quello previsto, in quanto sarà necessario maggiore tempo. Infatti, nonostante l’avanzamento tecnologico prima evidenziato, il traguardo fissato appare ancora lontano. Di questo passo gli obiettivi stabiliti dalle N.U. slitteranno presumibilmente al 2040 con un ritardo di ben 20 anni rispetto alle previsioni. 
Ai ritmi correnti, infatti, nel 2020 sarà connesso a Internet solo il 53% della popolazione globale e appena il 16% degli abitanti dei Paesi più poveri. Questo significa che in molte nazioni povere altre generazioni verranno tagliate fuori dalla rivoluzione digitale: soprattutto verranno lasciate fuori le fasce meno abbienti e le donne, queste le due categorie maggiormente penalizzate ed escluse dall’accesso alla rete.
Cari amici, purtroppo il mondo continua a camminare a due velocità; la mia considerazione finale è questa: se è vero (come è vero) che il mondo cambia in continuazione, è altrettanto vero che il divario tra ricchi e poveri, tra uomini e donne, nonostante i tentativi (spesso solo di facciata) RIMANE! Insomma, tutto continua a rimanere…come prima!
A domani.
Mario

Nessun commento: