E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

giovedì, febbraio 28, 2019

LA PLASTICA E IL SUO NECESSARIO ECO-RICICLO. SIAMO DAVVERO RIUSCITI A TROVARE UNA SOLUZIONE ECOLOGICA VALIDA?


Oristano 28 febbraio 2019
Cari amici,
voglio chiudere le riflessioni di febbraio, con un argomento grave, che ansia il mondo in modo sempre più preoccupante: lo smaltimento della plastica. Questo materiale, messo in uso dall'uomo oltre mezzo secolo fa, si è rivelato deleterio, capace di sconvolgere l'equilibrio ecologico del pianeta! Su questo blog ho avuto occasione di trattare molte volte questo argomento, considerata la sua esagerata diffusione e la sua alta pericolosità. 
Col passare del tempo ci si è resi conto che al modesto vantaggio iniziale apportato, l’uso di questa sostanza ha creato dei disastri incredibili, capaci addirittura di sconvolgere la vita sul pianeta, modificandola forse in modo irreversibile. Eppure, nonostante tutto, la plastica continua la sua strada senza interruzioni, essendo stati finora modesti i tentativi fatti per limitarne l’uso. Che fare allora? L'unico modo per limitare i danni appare quello del possibile riciclo, ovvero far sì che il suo smaltimento sia corretto, in modo tale da non continuare a compromettere l’equilibrio ecologico dell'intero pianeta.
L’inquinamento che crea la plastica, in particolare sulle acque e sulle risorse del mare, considerata anche la sua lunghissima fase necessaria per il suo naturale disintegrarsi, è un problema serissimo, assolutamente da risolvere. 
Dopo i numerosi tentativi effettuati per cercare di smaltire in modo corretto le montagne di plastica che quotidianamente si formano nel mondo, rivelatisi poco efficaci, di recente sembra intravvedersi una prima, possibile soluzione. Quest'ultima propone un metodo che dovrebbe essere un primo, serio passo concreto verso la soluzione del problema.
Un team di scienziati americani operanti presso l'Università di Purdue, nello Stato dell’Indiana, ritiene di aver trovato un innovativo metodo per riutilizzare i rifiuti di plastica riciclando almeno una parte (circa il 25 per cento) di questa preziosa risorsa trasformandola in nuovi materiali. Una scoperta importante, dato che forse molti ignorano che ogni anno nel mondo si producono 322 milioni di tonnellate di materiale plastico! Un dato, amici, tra l’altro destinato a crescere fino a raddoppiare, secondo le previsioni relative ai prossimi 20 anni.
Di questi molti milioni di tonnellate di plastica una grossa fetta finisce nell’ambiente, in particolare nei corsi d’acqua e nei mari, contaminando e distruggendo le specie ittiche presenti. Le associazioni ambientaliste hanno stimato che ogni anno ben 8 milioni di tonnellate di questo materiale finiscono negli oceani. Questo materiale si aggiunge all'immenso deposito già esistente, considerato che moltiplicando il dato annuo con gli anni trascorsi (la plastica iniziò ad essere utilizzata appieno negli anni ’50), si può immaginare a che quota è arrivata la quantità globale! La realtà si può toccare con mano: è resa evidente dalla ormai famosa “isola di plastica”, la Great Pacific Garbage Patch, composta da miliardi di rifiuti che si sono agglomerati al largo della California, grande circa 3 volte la Francia! Ammasso che ogni giorno che passa si disintegra lentamente in micro-plastiche che avvelenano le specie marine, arrivando a distruggerle e contaminando anche l'uomo che se ne ciba.
La scoperta prima accennata e di cui voglio parlare oggi con Voi, stando a quanto hanno spiegato i chimici dell’Università di Purdue, consiste in un processo chimico da loro sviluppato, che consente di riciclare almeno il 25 per cento della massa di un prodotto plastico trasformandolo in altro materiale utile. Per ottenere questo risultato hanno lavorato sulle “poliolefine”, una tipologia di polimeri (macromolecole), come il polipropilene, che costituisce quasi il 25 per cento di tutti i composti della plastica (sostanza presente nelle bottiglie, nei bicchieri, nei tappi e persino nelle etichette delle bottiglie).
La quantità di polimeri recuperati può essere trasformata in carburanti (naturali), validi alla stessa stregua del gasolio o dei gas di petrolio liquefatti (gpl), creando in questo modo un’alternativa “meno inquinante”. I ricercatori, secondo quanto si legge sulla rivista ACS Sustainable Chemistry and Engineering, sono riusciti a liquefare le poliolefine presenti nella plastica servendosi di un sistema particolare che si basa sulla “liquefazione idrotermale”. Questo processo permette di estrarre dalla plastica solida alcuni polimeri in maniera selettiva.
Per riuscire nell’intento i chimici ricercatori hanno usato “acqua supercritica”, un liquido il cui particolare stato può essere raggiunto quando la sua temperatura è compresa tra 374 e 500 gradi Celsius, e la pressione è pari a 22,1 Megapascal. Nelle giuste condizioni, i polimeri della plastica subiscono la trasformazione, diventando un olio particolarmente viscoso, composto da idrocarburi liquidi. Successivamente la nuova “risorsa” può essere trasformata in nafta.
Come ha spiegato la coordinatrice dello studio, la dottoressa Linda Wang, “La nostra tecnologia di conversione mostra un potenziale nel dare una spinta ai profitti delle industrie del riciclo e impattare fortemente sulle riserve mondiali di rifiuti di plastica”. I ricercatori hanno stimato che, attraverso questo processo, sia possibile produrre anche il 4 per cento della richiesta globale annua di gasolina o diesel. In realtà l’obiettivo del team statunitense, più che quello di offrire sul mercato un nuovo combustibile, mira invece a far sì che la plastica diventi tanto preziosa da renderne il recupero abbastanza remunerativo.
Finora nel mondo, di tutta la plastica prodotta negli ultimi 65 anni (dato stimato in oltre 8 miliardi di tonnellate), il 12 per cento è stata incenerita mentre soltanto il 9 per cento è stata riciclata adeguatamente. Questo sta a significare che circa l’80 per cento di questo inquinante materiale è finito negli oceani. Con le conseguenze che ben sappiamo.
Ora gli scienziati dell’Università Purdue sono convinti che il processo sviluppato sia valido ed economico e che produrrà sicuramente effetti ecologici positivi. Dalla nafta grezza ottenuta, infatti, possono essere ricavate moltissime sostanze chimiche e dei carburanti puliti.
Amici, chissà se finalmente (forse), siamo riusciti a metterci sulla buona strada, anche se molto dell’altro ancora resta da fare, per vedere un futuro mondo più pulito e meno inquinato!
A domani.
Mario


mercoledì, febbraio 27, 2019

INCONTRO ECUMENICO DI PREGHIERA PER L’UNITÀ DEI CRISTIANI AD ORISTANO NELLA CHIESA DI S. MARTINO. LE CONFESSIONI CRISTIANE RIUNITE “INSIEME” PER CEMENTARE L’UNITÀ.



Oristano 27 Febbraio 2019
Cari amici,
Le Comunità cristiane sparse nel mondo per poter meglio crescere nell’unità dovrebbero maggiormente incontrarsi, riunirsi in preghiera, non solo per testimoniare l’appartenenza alla stessa fede, pregando per una maggiore giustizia sociale in un mondo sempre più corrotto, avido e miscredente, ma per pregare ‘tutti insieme’, chiedendo a Dio la grazia per un mondo migliore. E' con questo spirito, per raggiungere questo significativo traguardo, che anche ad Oristano si sono programmati di recente degli incontri.
L’Arcidiocesi Arborense, infatti, è da tempo entrata in quest’ottica, dichiarandosi favorevole a degli incontri ecumenici di preghiera per l’unità dei cristiani. Il 2° di questi incontri si è svolto il 25 febbraio scorso presso la storica Chiesa di San Martino. Invitati all’incontro rappresentanti della Chiesa Evangelica d’Italia, della Sacra Arcidiocesi Ortodossa d’Italia e di Malta ed Esarcato per l’Europa meridionale.
In questa Chiesa l’Arcivescovo Monsignor Sanna e il Pastore Paolo Biancardi della Chiesa Evangelica, hanno  dato vita ad una celebrazione comune, alla quale hanno partecipato un buon numero di fedeli e gruppi di giovani, che hanno animato con musica e canti le comuni preghiere. Dopo l’introduzione teologico-pastorale, fatta dai due Pastori, la celebrazione si è sviluppata sul tema della preghiera comune, che ha preso vita dalle parole del Deuteronomio “Cercate di essere veramente giusti” (Dt 16, 18-20).
L’incontro, organizzato dal Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (MEIC), dal Movimento dei Focolari e dall’Azione Cattolica Diocesana, ha messo in risalto in modo chiaro la necessità che i critiani restino uniti nella preghiera, in quanto la disunione porta a sicuro fallimento, se non si riesce ed essere uniti nel segno dell’amore di Dio. “Così come l’ingiustizia ha fomentato la divisione che ha deteriorato la società indonesiana, così ha anche alimentato le divisioni nella Chiesa”, hanno ribadito Monsignor Sanna e il Pastore Biancardi.
I fedeli presenti hanno ascoltato con grande attenzione i passi del Deuteronomio prima citati, partecipando con grande interesse alla celebrazione che si è conclusa con questo forte invito: “Cercate di essere veramente giusti e così resterete in vita e possederete la terra che il Signore. Vostro Dio, sta per darvi”.
La celebrazione ecumenica, dopo gli interventi di Monsignor Sanna e del Pastore Biancardi, è proseguita con canti di lode al Signore e con diverse preghiere di ringraziamento, intervallate dalla musica e dal canto dei giovani ai quali tutta l’assemblea si è unita. Dopo la prima e la seconda lettura fatta da due lettori, la proclamazione del Vangelo è stata fatta da Monsignor Sanna (Parroco della Cattedrale). Al termine l’Arcivescovo ha tenuto l’Omelia e il Pastore Biancardi il suo Sermone.
Monsignor Sanna ha incentrato il suo discorso sul “senso reale di Comunità”. Comunità, ha detto, significa stare insieme, cosa sempre più rara di questi tempi, in quanto le comunicazioni virtuali spesso sono superiori a quelle reali. I “Social non sono la realtà ma solo una parvenza di essa; dobbiamo tornare dai social al sociale”, ha ribadito l’Arcivescovo. Successivamente, utilizzando ancora due lettori scelti fra i partecipanti, l'assemblea ha formalmente espresso, in modo corale, l’impegno per la giustizia, la misericordia e l’unità dei cristiani.
Su invito del Pastore Biancardi, sono stati poi distribuiti ai partecipanti dei foglietti, dove a ciscuno era stato chiesto di esprimere per iscritto l’impegno ad operare nel senso prima indicato, dando vita ad una azione individuale elaborata secondo la propria convinzione personale. Il foglietto scritto (dopo che ciascuno ne aveva ricavato copia per se) è stato poi depositato in un cesto comune.
Dopo lo scambio della pace tra i partecipanti e la recita del Credo, c’è stata l’invocazione collettiva dei fedeli, rivolta al Signore per il bene della Chiesa e per le sue necessità. Successivamente dopo la recita del Padre Nostro l’incontro si è avviato alla conclusione. Il “Congedo” dall’incontro lo ha dato Monsigno Sanna, che ha detto:  “Mentre vi congedate da questa Assemblea, siete pregati di prelevare dal cesto comune un cartoncino che contiene uno degli impegni espressi prima; siete invitati a pregare secondo l’intenzione scritta nel biglietto”. Tutti abbiamo prelevato un bigliettino, riservandoci, singolarmente, di dare corso al suo contenuto.
Un cordiale saluto tra i partecipanti a posto fine all’incontro. 
Sono felice di aver partecipato.
A domani.
Mario