E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

martedì, giugno 30, 2015

COME ELIMINARE, IN MODO NATURALE, INSETTI E PARASSITI DALLA RISERVE ALIMENTARI: SIA NEI MAGAZZINI CHE NELLA DISPENSA DI CASA. DALLE PIANTE I GIUSTI REPELLENTI BIOLOGICI.



Oristano 30 Giugno 2015
Cari amici,
vorrei chiudere questo mese di Giugno più che con una riflessione con un “consiglio” che ritengo importante: come conservare e preservare in modo naturale le nostre riserve alimentari. Forse a molti sfugge un dato economico di straordinaria importanza: circa il 20% dei raccolti (in determinate annate addirittura il 40%) delle derrate alimentari conservate nei granai e nei magazzini in tutto il mondo, viene perduto a causa dei danni provocati dagli insetti e dai parassiti! Il dato è assolutamente preoccupante.  Immaginatevi che la perdita anche della quantità minima del 20% sarebbe capace di sfamare oltre un miliardo di persone! Per cercare di limitare questi danni i produttori sono costretti a ricorrere a massicce dosi di insetticidi e repellenti sintetici che, però, nella gran parte dei casi, risultano dannosi per la salute dell'uomo e dell'ambiente.
Eppure, a ben guardare, potremmo risolvere molto meglio questo spinoso problema utilizzando i rimedi che la natura ci ha “naturalmente” messo a disposizione: i repellenti naturali. Si, cari amici, per difendere il cibo dagli insetti basterebbero le piante! Quest’affermazione non è mia ma fornita da esperti di livello universitario. Non ci credete? Eppure è proprio così: la natura possiede tutti i rimedi che noi spesso ignoriamo, utilizzando, invece, sostanze chimiche dannose. Un vero e proprio controsenso il nostro.
Barbara Conti e Stefano Bedini, due esperti del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Agro-ambientali dell'Università di Pisa, alla conclusione dei loro studi, hanno dimostrato che un'alternativa ecologica ai prodotti di sintesi utilizzati per proteggere alimenti e dispense, esiste e risulta di grande efficacia.
In un articolo (dal titolo ‘Basta intrusi nella dispensa’), pubblicato sulla rivista Cibi, Arte e Scienza del Cibo (organo di comunicazione del comitato scientifico di Expo 2015), hanno affermato che le loro ricerche hanno messo in evidenza che “gli oli essenziali di alcune piante aromatiche, così come alcuni dei loro componenti chimici, esplicano un notevole effetto repellente nei confronti degli insetti infestanti le derrate, arrivando ad essere fino a trenta volte più efficaci dei repellenti sintetici".
Sono risultati scientifici di rilievo quelli ottenuti, che potrebbero avere una positiva ricaduta sia a livello industriale che domestico: gli oli essenziali e i loro composti, infatti, potrebbero essere utilizzati per la messa a punto di strategie eco-compatibili per la protezione del cibo e senza rischi per la salute umana. Queste sostanze naturali potrebbero essere impiegate, ad esempio, nella produzione di imballaggi a prova d'insetto, per trattamenti murali in depositi e magazzini, oppure per la creazione di diffusori da utilizzare per la protezione delle dispense casalinghe.
Si cari amici, il problema è serio e non riguarda solo l’industria e i grandi depositi per la conservazione dei prodotti agricoli, ma anche, nel suo piccolo, la nostra vita ordinaria, quella di tutti i giorni: insomma la normale conservazione in casa nostra degli alimenti. Tra gli inconvenienti più odiosi che possono capitare nelle nostre case, in particolare in cucina o nella dispensa, uno molto importante è quello di trovare degli insetti che si sono “infilati” nel pacco di pasta, nella farina, nel riso, o nei cereali. A parte la sensazione di ribrezzo, la cosa più irritante è non solo quella di gettare via gli alimenti contaminati, ma anche quella, poi, di dover disinfestare i mobili che contenevano i prodotti, per evitare il ripetersi della spiacevole scoperta fatta in un prossimo futuro.
Per eliminare in modo naturale e senza rischi per la salute gli insetti infestanti la nostra cucina di casa ecco come possiamo procedere. Cerchiamo anzitutto di capire esattamente il problema. La presenza di insetti e parassiti nella dispensa non è necessariamente sinonimo di noncuranza o scarsa pulizia della nostra cucina: il problema è che molti insetti sono attratti da diversi alimenti come riso, cereali, cacao, pasta e prodotti farinacei in genere. E’ probabile che addirittura le uova di certi parassiti fossero già presenti nei prodotti. Se poi si abita in campagna, o se abbiamo il giardino attiguo alla nostra abitazione, la presenza di falene e insetti simili è molto probabile. Un campanello di allarme può scattare se nella dispensa troviamo dei filamenti simili a ragnatele: in quel caso saranno state depositate delle uova che si schiuderanno e daranno vita a delle larve. Per correre ai ripari, il trucco è far trovare nella nostra dispensa degli elementi che possano fungere da antiparassitario naturale. Vediamone alcuni.
Uno degli antiparassitari naturali più comuni è l'alloro; molti insetti infatti non sopportano l'odore di queste vegetale. È sufficiente porre alcune foglioline di alloro nella nostra dispensa per proteggere i nostri alimenti da ospiti indesiderati. Chiaramente, una volta diventate secche le foglioline di alloro vanno sostituite con altre fresche. Se non si può utilizzare l'alloro, anche i chiodi di garofano possono andare bene. Se oltre all'effetto antiparassitario si vuole cercare una soluzione che fornisca anche un buon odore, l'olio di lavanda può fare al caso nostro. Sarà sufficiente prendere dei fazzoletti, versarci su l'olio, e poi fissarli tra gli scaffali della dispensa. Possiamo ottenere lo stesso risultato anche con l'olio essenziale di eucalipto, di citronella o di menta. Oltre ai vari antiparassitari naturali descritti, di tanto in tanto dobbiamo svuotare momentaneamente la dispensa e pulire sia l'interno della stessa sia i contenitori di plastica, dove teniamo il cibo, con una soluzione di acqua e aceto. Con questi piccoli accorgimenti, la nostra dispensa sarà più protetta e difficilmente sarà pascolo felice per molti insetti e parassiti!
Ciao, a domani.
Mario

Nessun commento: