E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

giovedì, ottobre 20, 2016

SARDEGNA OSPITALE: IL VALORE DEGLI ANTICHI BORGHI. SORRADILE, PICCOLO MA GRANDE ESEMPIO DI TURISMO AUTENTICO.



Oristano 20 Ottobre 2016
Cari amici,
La Sardegna, neppure nel suo lontano passato, mai ha voluto costruire agglomerati urbani intensamente popolati, preferendo, invece, creare delle piccole realtà, dei piccoli borghi, dove le Comunità del luogo, ieri come oggi, potessero vivere la loro vita in modo coeso, più “umano”, dove i suoi componenti potessero sentirsi protagonisti, non anonimi membri di un 'alveare', delle piccole api-operaie al servizio dell'ape regina. In questi paesi sardi, ancora oggi veri “borghi autentici”, si riesce a vivere come in passato: assaporando il lento trascorrere del tempo immersi nella natura, senza sottostare a quella caotica e alienante vita di città dove domina lo stress e l’incessante e continua lotta contro il tempo sembra non bastare mai, creando turbamento e alienazione, stando immersi in una cappa di pesante inquinamento che mette a rischio sia la salute fisica che mentale.
Eppure queste piccole realtà sarde sembrano destinate a non durare a lungo, condannate all'estinzione: i tempi moderni non sono fatti per l’uomo ma contro l’uomo! Le tecnologie, le innovazioni, la globalizzazione, tutto sembra complottare contro di lui, tanto da prevedere in tempi brevi l’estinzione delle sue piccole realtà abitative. L’uomo moderno, purtroppo, non ama vivere senza i “confort” portati dalla modernità. Nei piccoli centri, complice l’assenza di servizi considerati essenziali, pochi vogliono continuare a vivere: ed ecco allora spuntare all'orizzonte lo spettro dello spopolamento, dell’estinzione. Entro pochi decenni oltre 30 comuni sardi potrebbero estinguersi, diventando dei paesi fantasma.
Eppure la soluzione, se affrontata nel modo giusto, credo che esista: anzi deve proprio esistere! Una delle tentate possibili vie da percorrere è quella portata avanti da validi e lungimiranti amministratori di questi piccoli comuni, che caparbiamente intendono resistere alle Cassandre che ne annunciano la morte per spopolamento. Uno di questi è Pietro Arca, Sindaco del Comune di Sorradile, che da tempo porta avanti iniziative sicuramente valide.
Forte dell’esperienza maturata in Comuni ben più importanti (è stato anche sindaco di Oristano) ha fatto includere Sorradile tra i “Borghi autentici” d’Italia, calamitando sul piccolo centro, posizionato a pochi passi dal grande lago Omodeo, un interessante flusso turistico. Per attirare turisti, sia di casa che provenienti dall’estero, ha creato strutture adeguate e manifestazioni importanti, come quella denominata “Autunno sul lago”, manifestazione ricca di eventi, tra arte, cultura, storia, tradizione e ambiente, all’interno della quale sono previste escursioni, rappresentazioni da parte di artisti, concerti, presentazione di libri e quant’altro.
Quest’anno 2016, dopo le programmate giornate pre e post estive, è previsto un ulteriore periodo d’incontri, in calendario a partire da Domenica 23 Ottobre, giornata nella quale sarà presentato il libro "Le pietre e gli eroi", del noto giornaliste oristanese Beppe Meloni. Nella giornata di apertura di Domenica 23 è in programma, nella mattinata, una passeggiata ecologico-culturale, denominata “Per viottoli e sentieri”, destinata alla scoperta della Sardegna più vera, che si concluderà col pranzo nell'azienda agricola Ladu.  Nel pomeriggio spazio alla storia, alla cultura e all'archeologia, con la presentazione e una discussione aperta sul libro “GLI EROI DI PIETRA”, Mont’e Prama – mito e misteri, storia e cronaca della scoperta archeologica del Sinis”, firmato dal decano dei giornalisti oristanesi, Beppe Meloni.
Il libro, che verrà presentato dalla studiosa Luisanna Usai, è quasi una cronistoria, che somiglia molto a un "taccuino di viaggio", sulla entusiasmante vicenda dei Giganti di Pietra trovati a Mont’e Prama, che dopo un sonno millenario, sono riemersi imponenti dalle terre del Sinis, testimonianza avvincente di grande respiro identitario, che ha come obiettivo quello di incoraggiare e sostenere lo sviluppo del turismo culturale nella terra d’Arborea.
La manifestazione “Autunno sul lago” ha un ricco calendario che proseguirà fino ad oltre metà Dicembre. Sabato 29 Ottobre, nei locali del Centro Culturale Sardegna, con il convegno sul tema “Omodeo 2.0 – Acqua e ambiente cultura e sport”, Venerdì 4 Novembre sarà una giornata dedicata alla ‘memoria dei caduti in guerra’, Sabato 12 Novembre sarà la “Giornata dell’albero” e Mercoledì 30 Novembre una giornata dedicata al vino con “Tzucamus su ‘inu”, degustazione di vini dell’alto oristanese. A Dicembre, Domenica 11 è dedicata ai dolci con “Le vie del dolce”, una rassegna enogastronomica sui prodotti tipici locali, mentre Sabato 17 Dicembre si chiuderà l’edizione 2016 della rassegna, con l’inaugurazione del presepe in trachite rosa, una originale creazione degli artisti della zona.
Che dire, cari amici, solo la nostra caparbietà di sardi, unita ad una grande fantasia, potrà consentirci di salvare i 'borghi' della nostra amata Sardegna, evitando i danni irreparabili che la vita moderna, frutto della Globalizzazione, ha tutta l’intenzione di crearci: vivere in un enorme e alienante alveare come automi (api-operaie) senza poter godere della grande e maestosa bellezza del creato, messoci a disposizione dal Buon Dio che ci ha creati. Un grande plauso ai sardi come Pietro Arca, Beppe Meloni e tanti altri che in questa Sardegna ancora ci credono fermamente.
A domani.
Mario

Nessun commento: