E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

sabato, ottobre 01, 2016

NEL SINIS DI CABRAS, STRAORDINARIA PATRIA DEI GIGANTI DI MONT’E PRAMA, SI CELA ANCHE LA CITTÀ DI CUI ERANO CUSTODI? UN ENIGMA CHE CI AUGURIAMO DI SCOPRIRE PRESTO!



Oristano 1 Ottobre 2016
Cari amici,
Mi piace iniziare i post di Ottobre parlando della nostra antica storia: quella del fiero popolo sardo. Conoscere le nostre origini, che si perdono nella notte dei tempi, non è certo facile, anche se le recenti scoperte fatte nel Sinis di Cabras, in primis quella dei giganti di Mont’e Prama, continuano a riservarci non poche sorprese. Il sensazionale rinvenimento dei giganti, avvenuto casualmente nel 1974, dopo essere rimasto ‘ignorato’ per anni, vive ora una fase di grande fermento; dopo la faticosa ricostruzione dei primi “giganti” ritrovati, altri se ne sono aggiunti e molto altro resta ancora da scoprire. Le ipotesi più accreditate vanno dalla possibilità di ritrovare altre statue a quella di riportare alla luce, forse, la città dove le gigantesche statue erano state costruite e collocate. Insomma, i giganti potrebbero essere solo “la punta dell’iceberg” di un grande insediamento, forse un’intera città, o perlomeno un grande santuario votivo, che li celebrava e li venerava come eroi.
Gli scavi di Mont’e Prama potrebbero essere davvero la scoperta più importante dell'ultimo secolo, e potrebbero restituirci non solo nuove e importanti informazioni sul mondo nuragico (dandoci maggiori dettagli sull’evoluzione e la successiva colonizzazione-distruzione di questa cultura), ma anche sull’importante ruolo che gli abitatori della Sardegna dell’epoca svolsero nel Mediterraneo, aiutandoci in questo modo a riposizionare la nostra evoluta civiltà sarda “al posto giusto”, riconoscendole quel grande valore oggi in gran parte negato.
Grazie all’équipe dell’università di Cagliari, guidata dal professor Gaetano Ranieri, è stato possibile scansionare a fondo, con uno speciale Georadar, i terreni dove furono trovati i Giganti di Monti Prama; lo strumento utilizzato è un’apparecchiatura scientifica unica al mondo, costituita da sedici georadar posizionati a distanza di dodici centimetri l’uno dall’altro, e montati su un’auto che procede alla velocità costante di 20km/h. Le risultanze delle analisi effettuate sono state in grado di dimostrare la presenza di ben 56 mila anomalie, ovvero di elementi non compatibili con un terreno allo stato naturale (probabilmente grandi blocchi di pietra), posizionate ad una profondità tra i 50 e i 180 centimetri.
L’archeologo Prof. Raimondo Zucca, come ha riportato il quotidiano La Nuova Sardegna, ha dichiarato: “I giganti dimostrano che la Sardegna, nel Mediterraneo occidentale tra il nono e l’ottavo secolo avanti Cristo, era una terra di uno straordinario livello culturale. E questo significa che i sardi avevano notevoli risorse e proponevano politiche di scambio a livello internazionale. Una sfilata di statue come quella di Mont ’e Prama è emblematica della presenza di un potere governativo molto solido e ricco”.
Da queste considerazioni è facile desumere che quella civiltà era così progredita da presupporre la necessaria presenza di grandi nuclei urbani, ovvero delle vere e proprie città. Anche la campagna di rilevamenti condotta dalla Soprintendenza archeologica cagliaritana e dalle Università degli Studi di Cagliari e di Sassari ha portato all’individuazione di quelle che sembrano essere strutture murarie di sensibili dimensioni: saranno queste le tracce della città dei Giganti di Monte Prama?
Il Prof. Gaetano Ranieri, professore ordinario di geofisica all’università di Cagliari, al convegno “Una giornata per il dialogo tra archeologia e scienza”, ha raccontato il risultato delle indagini da Lui condotte a Mont’e Prama: strade, tombe, depositi di statue, edifici con grandi scalinate sarebbero sepolti sotto i campi in cui sono stati ritrovati i “giganti”. Le numerose anomalie (come detto sono più di 56mila) riscontrate dai rilievi con il Georadar, dice il Prof. Ranieri, “sono delle strutture complesse di 14 metri per 26, che potrebbero essere strade dato che sarebbero lastricate, e che sono state rilevate in tre casi. Poi, tombe di due metri di altezza e costruzioni che sembrano edifici dotati di scale. Abbiamo individuato diversi fossati, dentro e fuori dall’area di scavo, che custodirebbero frammenti di statue”.
Certo, il condizionale è d’obbligo, perché finché non verranno effettuati gli scavi non ci saranno certezze, ma la convinzione corrente è che a Mont’e Prama ci sarebbe sepolta una vera grande città. Questo, se dimostrato, evidenzierebbe senza dubbio alcuno che in Sardegna la civiltà nuragica era così evoluta da sviluppare sia la grande statuaria che la scrittura, in quanto per il funzionamento di un’organizzazione sociale complessa non è sufficiente la semplice struttura del “villaggio”, ma quella più evoluta e razionale di una vera città, dove tutti svolgono una parte delle incombenze e non il tutto, come nella vita semplice del villaggio.
È l’evoluzione da villaggio a città quella che dà la dimensione della capacità dell’apparato sociale di creare strutture collettive di maggiore complessità, applicando specifiche tecnologie che comprendono la possibilità di coinvolgere una grande massa di individui in imprese collettive, non realizzabili con il semplice livello di organizzazione in atto nelle tribù e nei villaggi.
Se l’esistenza della città fosse accertata, questo fatto avvallerebbe l’ipotesi prima messa sul tappeto: quella di un’organizzazione sociale evoluta e più complessa, strutturata gerarchicamente, con un numero limitato di specialisti al vertice della piramide sociale. Questa élite di specialisti, dispensata dalla necessità di pensare al proprio sostentamento, poteva così dedicarsi all’organizzazione della Società, esattamente come succede oggi. In questo modo si potrebbero giustificare meglio anche gli enormi sforzi fatti per la costruzione dei numerosissimi nuraghi, in particolare quelli più grandi e complessi.
Cari amici, credo che il “grande libro della storia”, aperto con la scoperta dei giganti di Mont’e Prama, sia stato sfogliato solo nelle prime pagine! La storia della Sardegna, scritta sulla pietra dal suo illuminato popolo fin da epoca preistorica, sicuramente è ancora tutta da scoprire. Mi auguro che in tempi non troppo lunghi (purtroppo per farlo ci vorranno non pochi soldi) il nostro passato luminoso possa divenire più chiaro, in modo da dimostrare al mondo che il popolo sardo non è mai stato secondo a nessuno, e che la sua civiltà in passato è stata un punto fermo, un vero e proprio “faro” nel Mediterraneo.
A domani.
Mario

Nessun commento: