E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

venerdì, febbraio 23, 2018

CREATO IN LABORATORIO IL PRIMO OVOCITA UMANO IN PROVETTA, PRONTO PER ESSERE FECONDATO. LA PROCREAZIONE NEL TERZO MILLENNIO AVVERRÀ IN LABORATORIO?



Oristano 23 Febbraio 2018
Cari amici,
Forse siamo alle soglie della creazione dell’essere umano perfetto: costruito con tutte le caratteristiche desiderate in laboratorio. Questo sogno, relegato per anni nei libri di fantascienza, sembra essere, ora, approdato alle realtà. Si, recentemente è avvenuta la concretizzazione di un sogno a lungo covato, atteso da tempo, e che alla fine è arrivato. Degli ovociti umani, coltivati per la prima volta in laboratorio, sono riusciti a completare l'intero processo di maturazione e ora sono pronti per essere fecondati.
La straordinaria scoperta è stata pubblicata sulla rivista Molecular Human Reproduction il 30 Gennaio scorso, ed ha acceso fortemente le speranze di chi vorrebbe un figlio e finora non è riuscito nell’intento. Ora il risultato della ricerca appare in grado di rivoluzionare la fertilità, aprendo nuove vie per le maternità finora impossibili. La ricerca è stata condotta presso la Scuola di Scienze Biologiche dell'Università di Edimburgo, in collaborazione con il Royal Infirmary e l'ospedale pediatrico, sempre di Edimburgo, oltre che con il Centro per la Riproduzione Umana di New York. "Essere in grado di far sviluppare ovociti umani in laboratorio potrebbe allargare la portata degli attuali trattamenti per la fertilità", ha dichiarato la coordinatrice della ricerca, Evelyn Telfer.
La tecnica con cui sono stati ottenuti in laboratorio questi ovociti fecondabili è stata particolarmente impegnativa e si è sviluppata in 4 fasi, fino ad ottenere i primi ovociti “maturi”, ovvero arrivati a uno stadio di completa maturazione. Nella prima fase si è provveduto a prelevare la parte più esterna del tessuto ovarico da donne che si erano sottoposte a interventi chirurgici di routine. Prelevate delle parti di tessuto dove sono annidati i follicoli primari, ossia cellule molto primitive, che sono state immerse in un liquido di coltura, un cocktail di sostanze capaci di favorire il naturale sviluppo delle cellule.
Nella seconda fase, queste cellule primitive, immerse nell'ambiente ricco di nutrienti e fattori di crescita, hanno cominciato a svilupparsi fino a duplicare le loro dimensioni; successivamente i follicoli ovarici contenenti gli ovociti sono stati separati. Nella terza fase gli ovociti e le cellule che li circondavano sono stati rimossi dal liquido di coltura e collocati su una membrana ricca di nutrienti. Infine, nella quarta e ultima tappa del processo, gli ovociti sono arrivati alla piena maturazione, pronti quindi per essere fecondati.
Lo straordinario risultato ottenuto, se verrà confermato dall’avvenuta fecondazione, potrebbe risultare d’aiuto alle donne infertili o che soffrono di menopausa precoce. La tecnica messa in atto risulterebbe utile anche alle donne affette da tumore (applicata prima dell'inizio di una chemioterapia che potrebbe distruggere le cellule germinali e renderle infertili). In questo modo, una volta guarite, potrebbero disporre delle loro cellule uovo, in grado pertanto di concepire in vitro un figlio con il seme del marito, attraverso la procreazione medicalmente assistita. Ma non è tutto.
Se questa scoperta si rivelerà effettivamente in grado di creare ovociti fecondabili con regolarità, attraverso questa tecnica colturale potrà essere prodotto un ampio numero di ovociti umani in vitro, cosa che apre la strada ad una facile accessibilità alla fecondazione eterologa (con gamete femminile di donatrice) e anche alla clonazione umana per trasferimento di nucleo di cellula somatica (SCNT), entrambe oggi limitate, in considerazione anche della scarsa disponibilità di ovociti umani maturi.
Cari amici, quello che la scienza ci sta mettendo davanti, seppure tecnicamente possibile, in realtà cozza, entra terribilmente in contrasto, con le severe norme etiche che dovrebbero sempre guidare l’uomo. Nonostante la coltura e la maturazione in vitro di gameti umani di per se non sia intrinsecamente illecita (non si tratta di un organismo umano embrionale che si sta sviluppando ma solo di cellule del corpo umano), questo tipo di intervento bio-tecnologico appare agli occhi di molti eticamente inammissibile. La Chiesa cattolica per prima ha sempre giudicato negativamente manipolazioni di questo tipo giudicandole contro natura, in quanto la pratica della creazione in laboratorio di embrioni umani, intenzionalmente separata dall'atto d’amore coniugale tra la donna e l'uomo, risulta irrispettosa della vita e della dignità del concepito.
Anche il bioeticista e Presidente vicario del Comitato nazionale di bioetica (CNB), Lorenzo d'Avack, ha affermato in un’intervista rilasciata all’Ansa, che la recente scoperta è da considerarsi eticamente condannabile e scientificamente pericolosa, in quanto finalizzata alla artificiale procreazione umana; potrebbe essere considerata accettabile, ha continuato, solo se l’utilizzo degli ovociti sviluppati in laboratorio fossero destinati a curare malattie.
Cari amici, se è vero che la scienza continua a fare passi da gigante, è anche vero che l'etica non può essere gettata alle ortiche; con la procreazione non si può e non si deve scherzare! Costruire in modo artefatto o artificiale una nuova vita, significa per l'uomo giocare d'azzardo, trasformarsi in Dio creatore, senza averne, credo, le competenze e il diritto per farlo.
A domani.
Mario


1 commento:

Anonimo ha detto...

Il mio compagno ed io abbiamo cercato un bambino da più di 11 anni, stavamo andando in una clinica per la fertilità per anni prima che qualcuno mi dicesse di contattare questo mago che è così potente chiamato Tempio di Agbazara per aiutarmi a rimanere incinta, E io Sono contento di aver contattato DR.AGBAZARA, perché il suo incantesimo di gravidanza ci ha messo a nostro agio, e sinceramente lo credo, e anche i suoi poteri ci hanno davvero aiutato, sono grato per tutto ciò che ha fatto. contattalo via email all'indirizzo: ( agbazara@gmail.com ) se stai cercando di avere un bambino, ha i poteri per farlo.