E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

mercoledì, marzo 22, 2017

“SPAZIOLIBRANDO”: OPERATIVO IN PIAZZA ELEONORA AD ORISTANO UN INTERESSANTE SPAZIO COLLETTIVO D’ARTE E CULTURA. UN INIZIO DI RISVEGLIO DAL LUNGO SONNO, NELLA GLORIOSA PATRIA DI ELEONORA?



Oristano 22 Marzo 2017
Cari amici,
Da un po’ di tempo ad Oristano sembra aleggiare un leggero venticello culturale: per ora sembra solo una modesta brezza primaverile, ma opportunamente seguita credo che possa portare ad un fresco risveglio dal punto di vista socio culturale. Nella mia riflessione di oggi voglio parlarvi di “SPAZIOLIBRANDO”, il nuovo luogo d’incontro che ha per base la libreria "LIBRID", messo su da Corrado Casula nella piazza principale oristanese: sa “Pratza de cittadi”, quella dove si affaccia il Comune, dedicata a Eleonora d'Arborea, che con la piazza Roma identifica il cuore la città, in passato orgogliosa capitale del Giudicato d’Arborea.
Dopo il restauro della pavimentazione e l’attento rifacimento della facciata della dimora di Don Efisio Carta, progettata dal Cima e posta all’angolo con Corso Umberto (la “Via Dritta” per antonomasia degli oristanesi, luogo d'incontro per lungo tempo e dello ‘struscio’), la Piazza si presenta ora decorosa, quasi con il vestito delle feste
Ebbene, al piano terra di questo antico ed elegante palazzo, un intraprendente quanto lungimirante medico, il Dottor Corrado Casula, ha “inventato” LIBRID, libreria con annesso spazio culturale di ottimo livello (nel complesso, il luogo è noto come Spaziolibrando), struttura prima inesistente nel centro della nostra città. Il professionista, medico soccorritore del Servizio del 118 e pronto soccorso, istruttore nel settore dell’urgenza sanitaria e già responsabile della formazione in emergenza della Asl 5, ha pensato che la città abbisognasse, proprio nel cuore pulsante cittadino, di un luogo d’incontro delle menti pensanti del capoluogo.
Ecco come il mio caro amico Beppe Meloni, profondo conoscitore della nostra città-capitale, parlando di una recente manifestazione svoltasi nel nuovo, elegante ‘spazio’, descrive questo luogo e questa bella iniziativa socio culturale.
^^^^^^^^^^^^
A Spaziolibrando, interessante manifestazione culturale – Successo della mostra fotografica di Marco Guglielmo Mura.
In una domenica piena di sole, buon anticipo di primavera, in piazza Eleonora il palazzo Carta - Corrias, ripulito nella sua splendida facciata color ocra, lascia ancora intravedere la finissima mano del Cima, al quale venne commissionato dal nobile facoltoso Giuseppe Corrias. Salvato dalla furia iconoclasta di fine Ottocento, è tornato dopo molti decenni al suo antico splendore.
Non solo location di classe (il 4 stelle Hotel Regina d'Arborea, ndr) , le cui stanze raccontano ancora la storia della grande famiglia di don Efisio Carta il "barone degli stagni". Sequestrato e ucciso barbaramente nel novembre 1978 dall'Anonima sequestri sarda.
Corrado Casula, medico e fine operatore culturale, lo ha trasformato in "Spaziolibrando", punto d'incontro fra arte e cultura, con caffè, ristorante, libreria, sala riunioni, in grado di soddisfare le attese di una città assonnata, ma ricca di storia e di fascino.
In questo contesto, ben si è inserita la splendida raccolta di immagini fotografiche di Marco Guglielmo Mura che racconta la quotidianità della città, le sue emozioni e i suoi personaggi. "Scrivere con la luce" è stata sempre la passione vera di questo oristanese doc (peraltro già impegnato nel passato con i suoi originali "Spunti di vista" nella cronaca locale), che tratta i vari aspetti della realtà, attraverso il filtro della sensibilità artistica, il senso della composizione e dello spazio.
Foto di Marco Guglielmo Mura
Le immagini riprodotte nel contesto di questo "racconto" e la ricerca di un armonioso equilibrio compositivo, diventano così una caratteristica positiva, sempre presente nelle opere di Mura. E i suoi "scatti" non sono solo documenti di vita quotidiana, ma narrano la condizione umana. Con gioia, tristezza, rassegnazione e bellezza.
Beppe Meloni
^^^^^^^^^^^^
Cari amici, ho già avuto modo di vivere, in questo spazio accogliente, alcune manifestazioni precedenti; posso garantire che questo interessante ‘luogo di ritrovo culturale’, già ben frequentato, è un’iniziativa che merita tutto il mio plauso! La città certamente da tempo aspettava che qualcuno stimolasse il bisogno d’incontro e di scambio di cultura dei suoi abitanti. Un sincero grazie a Corrado Casula, ottimo medico e fine operatore sociale e culturale, che con la sua lungimiranza cerca di riportare Oristano ai fasti del suo passato.
Ecco alcune immagini di Spaziolibrando. 




















Grazie, amici, a domani.
Mario

Nessun commento: