E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

sabato, marzo 04, 2017

LO STRESS, UNO DEI MALI DELLA VITA MODERNA. COME INDIVIDUARNE I SINTOMI, IMPARANDO A CONVIVERCI.



Oristano 4 Marzo 2017
Cari amici,
Sicuramente in passato lo stress era una malattia sconosciuta, in quanto i ritmi della vita erano ben diversi da quelli di oggi! La parola stress (termine di lingua inglese che significa sforzo, tensione) fu introdotta in medicina dal medico canadese Hans Selye per indicare una situazione conflittuale tra uno stimolo esterno (fattore stressante, o stressor) e la risposta data dall'organismo. Sicuramente lo stress rappresenta uno dei grandi problemi della vita moderna e tanti sono gli studi e gli esperimenti che vengono continuamente portati avanti nell’intento di trovare le soluzioni più adeguate per combatterlo!
Il nostro organismo dispone di meccanismi naturali che vengono attivati per proteggersi dai fattori stressanti, da qualsiasi origine essi provengano; fattori che possono essere fisici (per es., caldo o freddo eccessivi), oppure emozionali, come nel caso della sensazione di un pericolo imminente, ma non sempre sono sufficienti. La risposta messa in atto alla comparsa di questi stimoli è definita "adattamento"; è questo un complesso meccanismo che mette in moto sia il sistema nervoso che il sistema ghiandolare endocrino, e, insieme, essi cercano di combattere le difficoltà che il nostro organismo incontra.
Trasportando questi concetti nella realtà quotidiana della vita moderna, possiamo con certezza affermare che è il ritmo pressante nel lavoro una delle cause principali dello stress. Questo “sovraccarico”, se ignorato senza che l’individuo si attivi per rimediare, può portare a disagi ed a conseguenze crescenti e sempre più pericolose. L’analisi dello stress da lavoro ha evidenziato molteplici sub-cause: dalle lunghe ore trascorse a farsi carico di problemi e responsabilità all’insicurezza derivata da un lavoro precario, dalla minaccia della perdita del lavoro (licenziamento) ai conflitti nati con il proprio capo o con i colleghi. Lo status di insoddisfazione, di angoscia e di insicurezza derivante scatena nell’individuo una serie di problemi: insonnia, depressione, stanchezza fisica e mentale, che si traducono in un calo nelle prestazioni di lavoro, irritazione e litigiosità, tutti fattori che portano ad uno stato di vera e propria malattia.
Stante quanto prima detto, cosa può fare ciascuno di noi per “adattarsi” alla nuova situazione? Insomma, cosa ciascuno di noi può mettere in atto per trovare una soluzione efficace a combattere nel modo giusto lo stress che lo assale? La risposta è complessa, essendo lo stress un fatto ‘individuale’, per cui non esiste una cura ed un percorso validi indistintamente per tutti. Il nostro corpo, al superamento di certi limiti (diversi per ogni individuo) invia, però, dei segnali d’allarme per avvertire di un pericolo imminente che può mettere in pericolo la salute fisica e mentale.
Sono questi i primi campanelli d’allarme, le prime avvisaglie che si è superato il limite di resistenza. Sentirsi stanchi, depressi o poco concentrati dopo una giornata lavorativa, se avviene sporadicamente, non è ancora un problema, ma se simili sintomi si ripetono e iniziano a diventare frequenti potrebbe trattarsi di un campanello d'allarme che non dovremmo sottovalutare in termini di salute.
La dottoressa Sandi Mann, docente di psicologia alla University of Central Lancashire (UCLan), studiando a fondo il problema stress ha riportato in un elenco, ripreso dal 'Mail Online', una serie di segnali, dai quali è possibile capire se il lavoro che un individuo svolge è fatto a sua misura, oppure gli sta proprio stretto: insomma potrebbe non essere quello giusto per lui. Ognuno di noi se ne può accorgere se ‘impara a leggere’ i segnali che il corpo gli invia. I più importanti di questi segnali sono cinque: eccoli.
1 - Non riuscire a dormire bene. Avere difficoltà ad addormentarsi o svegliarsi frequentemente nel corso della notte può essere un segnale che si hanno troppe cose per la testa. Tra queste possono rientrare le preoccupazioni per il lavoro, che incidono negativamente sul sonno.
2 - Essere diventati irascibili. Lo stress, soprattutto se causato dal lavoro, può indurci a perdere la pazienza con gli altri con più facilità.
3 - Non riuscire a concentrarsi e commettere errori. Fare piccoli errori al lavoro può significare che non si ha troppo spazio nella testa per trovare concentrazione. Troppo stress, inoltre, porta il cervello a inserire il 'pilota automatico', impedendoci di rimanere concentrati a lungo su qualcosa.
4 - Sentirsi emotivi e perdere il sense of humour. Quando si è sotto pressione ogni motivo è buono per sentirsi depressi o scoppiare a piangere. Se il lavoro è poco soddisfacente e lo stile di vista troppo austero, si rischia inoltre di perdere il nostro buonumore, diventando cupi e negativi.
5 - Svegliarsi ogni mattina con l'ansia. Oltre al rischio di burn-out, essere insoddisfatti del proprio lavoro può causare una spiacevole sensazione già dalle prime ore del mattino. Svegliarsi con l'ansia pensando alla giornata da affrontare o semplicemente non avere voglia di alzarsi dal letto sono chiari segnali che il lavoro sta avendo un effetto negativo sulla nostra salute mentale.
Cari amici, io ho avuto modo di sperimentare personalmente questo ‘mezzo decalogo’. Chi vi scrive ha svolto per molti anni il defatigante lavoro di manager bancario. Posso dirvi che nel corso degli anni sono stato assalito mille volte da picchi di stress che sono stati molto difficili da superare. Considerata la mia capacità di assorbimento (ognuno, in effetti, ha la sua capacità di resistenza) sono riuscito quasi sempre a superare il problema. Quando, però, si è arrivati ad un picco che superava ampiamente i limiti, rispetto alla mia possibile capacità di adattamento, ho preferito trovare la soluzione definitiva: ho detto basta, ho alzato la mano e ho detto stop!
Se vi state chiedendo che cosa ho fatto, eccovi accontentati. Considerato che fortunatamente avevo raggiunto l’età e gli anni sufficienti per essere collocato in pensione, a 57 anni non ho fatto altro che concordare un'onorevole uscita anticipata, liberandomi così da quel peso opprimente che mi angustiava! Non tutti oggi, con l'aumento dell'età pensionabile, possono avere la mia stessa fortuna, ma quello che consiglio a tutti è di non sottovalutare mai lo stress: meglio cercare sempre un possibile rimedio, altrimenti la nostra salute può davvero essere in grande pericolo!
Usando un detto comune, potrei ironicamente dire che lo stress, se impari a conoscerlo, puoi combatterlo!
A domani.
Mario

Nessun commento: