E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

giovedì, gennaio 09, 2014

L’ASFODELO, PIANTA SACRA PER GLI ANTICHI GRECI, ERBA DEGLI EROI E DELLA VITA ULTRATERRENA, MA UTILE ALL’UOMO SIA NELLA MEDICINA POPOLARE CHE COME MATERIA PRIMA PER LA FABBRICAZIONE DI MANUFATTI DI USO QUOTIDIANO. IN SARDEGNA, A FLUSSIO IN PARTICOLARE, LA STRAORDINARIA ARTE DE “COSIRE S’ISCIAREU”.



Oristano, 9 Gennaio 2014
Cari amici,
se oggi è un hobby avere in casa, nella propria cucina rustica, alcuni contenitori abilmente costruiti con l’utilizzo dell’asfodelo, in un passato anche recente questi strumenti erano una dotazione necessaria, mancando allora tutte quelle nuove materie prime (in particolare la plastica) che poi, inevitabilmente, hanno mandato in pensione le fibre naturali. Eppure posso garantirvi (io che di anni ne ho abbastanza) che “sos carrigos”, “sas canisteddas”, “sos chiliros”, “sas corbulas”, e altri contenitori delle più varie dimensioni, erano un corredo utilissimo nella vita quotidiana della civiltà contadina, quando la gran parte delle operazioni di trasformazione delle materie prima avveniva in casa e non a livello industriale. La preparazione del pane, la pulizia dei cereali, la conservazione di gran parte delle provviste domestiche, tutto avveniva attraverso l’utilizzo di una serie di contenitori fabbricati con le fibre naturali allora disponibili: steli di grano, giunchi e, soprattutto asfodelo, fibra ideale per la sua flessibilità, resistenza e durata.

La necessità di avere a disposizione contenitori di varia dimensione e capienza aveva sviluppato la capacità e l’arte di numerosi artigiani, che, allora lavoravano a “kilometro zero”, ovvero nei luoghi dove si trovava la materia prima. I paesi della montagna, ricchi di boschi, avevo artigiani che costruivano strumenti fabbricati in legno (turras, talleris, paias de forru e culleras), fra i tanti cito Desulo, e quelli di collina e pianura, ricchi di fibre erbacee, avevano abili artisti nella fabbricazione di contenitori che utilizzavano queste fibre, in particolare l’asfodelo, e anche qui, fra i tanti, cito Flussio, nella Planargia. E’ proprio qui a Flussio  che l’arte di lavorare l’asfodelo (cosire s’isciareu) ha raggiunto la più alta professionalità.   
L’asfodelo è una pianta molto diffusa in Sardegna, ma in alcune zone, come la Planargia, raggiunge un maggiore sviluppo ed una dimensione particolare. L’asfodelo è una pianta antica, esteticamente poco attraente, anche per il poco gradevole profumo dei suoi fiori, ma ricercata e particolarmente utilizzata anche nell’antichità. Non solo, per ragioni che non è facile spiegare, essa è stata associata anche all’idea della morte.  In realtà l’associare questa pianta anche alla vita dell’aldilà, non era una valutazione in negativo, ma anzi l’attribuzione di una valenza duplice: rimedio per i vivi e anche per la vita ultraterrena. Una valenza, dunque, ben più complessa e variegata, che non solo non escludeva la vita, ma anzi la esaltava, dando  all’asfodelo il riconoscimento di “pianta degli eroi”.
A dare un grande riconoscimento all’asfodelo come pianta dalle proprietà medicinali e come simbolo di una vita semplice e parca, fu Esiodo (VIII-VII secolo a. C.), che scriveva: “E [non sanno i re] quale grande utilità ci sia nella malva e nell’asfodelo”. L’interesse scientifico, che in Esiodo, come abbiamo visto, era diventato pretesto per l’esaltazione di un modello di vita parca, è condiviso da Teofrasto (IV°-III secolo a. C.)10: “…lo stelo di asfodelo tostato è buono da mangiare e il seme può essere abbrustolito e sopra ogni altra parte la radice pestata col fico e (la pianta) ha grandissima utilità secondo Esiodo”. Anche Ippocrate aveva incluso l’asfodelo nella composizione di un farmaco contro il morbo regio (itterizia): “Somministrare un estratto di radici di asfodelo da bere a digiuno”, mentre  Erodoto (V° secolo a. C.) ne aveva documentato l’uso pratico anche tra una tribù nomade della Libia: “Questi [i Nasamoni] seppelliscono i morti seduti badando che il moribondo muoia in questa posizione. Costruiscono capanne portatili con gambi di asfodelo intrecciati a giunchi”. Epimenide, considerato da alcuni uno dei sette sapienti, usava l'asfodelo (e la malva) per le sue capacità di scacciare la fame e la sete. Ce ne parla Plutarco nel "Convito dei sette sapienti". La leggenda vuole che Epimenide grazie all'uso di radici e erbe non avesse bisogno di mangiare altro e che visse 157 anni, come ne riferisce Diogene Laerzio.
Anche nel mondo romano l’asfodelo era ritenuto utile e commestibile. Plinio (I° secolo d. C.) oltre a condividere il pensiero di molti degli autori greci, aggiunge anche qualcosa di nuovo: “L’asfodelo è commestibile e nel seme tostato e nel bulbo, ma questo cotto nella cenere, con aggiunta di sale e olio, poi pestato insieme con i fichi, con sommo gradimento, come sembra ad Esiodo. Tramandano pure che, seminato davanti alle porte delle case di campagna, è un rimedio contro i danni dei venefici”.  
L’asfodelo, dunque, pianta utile all’uomo per curarlo in vita ma anche per seguirlo nella vita dell’aldilà, per continuare ad aiutarlo e sostenerlo. Anche per Omero (Odissea XI, 487-491; 539; 573) l'asfodelo è la pianta presente nel regno degli Inferi. Per gli antichi Greci il Regno dei Morti era suddiviso in tre parti: il Tartaro per gli empi, i Campi Elisi per i buoni, ed infine i Prati di Asfodelo per quelli che in vita non erano stati né buoni né cattivi. Ligi a queste credenze, ed altre ancora, i Greci usavano piantare asfodeli sulle tombe, considerando i prati di asfodeli il soggiorno dei morti. L’asfodelo, dunque, pianta mitica, con secoli di storia, capace ancora oggi di dare all’uomo il suo contributo. Cerchiamo, allora, di conoscere meglio questa pianta.

L’asfodelo (Asphodelus L., 1753) è un genere di piante della famiglia delle Liliaceae che comprende diverse specie erbacee, note genericamente con il nome volgare di asfodelo. Il nome deriva dal greco σφόδελος (asphódelos). L’apparato fogliare si presenta sotto forma di una rosetta di grosse foglie radicali, strette e lineari, con l'estremità appuntita. Dal centro della rosetta emerge uno stelo nudo che porta una spiga di fiori più o meno ramificata secondo le specie. La spiga è generalmente alta un metro o più. Gli asfodeli amano i prati soleggiati e sono invadenti nei terreni soggetti a pascolo eccessivo, perché le loro foglie appuntite vengono risparmiate dal bestiame. I fiori iniziano a sbocciare dal basso. Hanno sei tepali e non vi è distinzione visibile tra petali e sepali, che hanno la stessa forma e lo stesso colore. Nella maggior parte delle specie, i tepali sono bianchi con una striscia scura al centro. I frutti sono capsule tondeggianti. La radice è commestibile. I suoi fiori sono molto graditi e ricercati dalle api che ne ricavano un ottimo miele. Il miele di asfodelo è uno dei più rinomati in Sardegna, dal colore chiaro, trasparente e quasi incolore, che si produce in marzo – aprile. Il sapore dolce e il profumo sono molto delicati e per apprezzarlo va gustato senza accostarvi altri sapori che lo sovrasterebbero. L’aroma è poco persistente e leggermente acido e la cristallizzazione è molto fine.
L’asfodelo in  Sardegna ha recitato per secoli un ruolo importante come materia prima per la fabbricazione di utensili per la casa. Con le sue fibre venivano realizzati strumenti atti a contenere le vivande e, nella Planargia, in particolare nei paesi di Tinnura e Flussio, vie era una vera e propria “piccola industria familiare” di produzione di pregiati cesti artigianali, un tempo utilizzati per le lavorazioni casalinghe, in particolare per la panificazione. Questi cesti anticamente erano parte indispensabile del corredo della sposa prima del matrimonio. Attualmente in questi paesi la produzione di  cesti di varie forme continua, anche se rivolta, ora, a soddisfare le esigenze del turismo.
Costruire contenitori artistici con l’asfodelo richiede tecniche di non facile apprendimento. Fabbricare cesti, anche se apparentemente semplice, richiede molta maestria e abilità. Gli steli di asfodelo vanno raccolti nel periodo giusto (ottimale quello da marzo ad aprile), quando la pianta comincia a sbocciare i fiori. Questo è infatti il momento in cui l'asfodelo è malleabile ma non troppo morbido. Questo lavoro è svolto in genere dalle donne (sia sposate che giovani ragazze), così come l'intreccio, compito che, nella stagione, iniziava in campagna all'alba;  in un giorno le più esperte riuscivano a raccogliere anche 40 fasci di piante. Tutti i proprietari terrieri permettevano e permettono ancora oggi la raccolta de “s'iscraria”, senza pretendere compensi. Una volta raccolto, l'asfodelo si lascia all’aperto per un periodo che variava da dieci a venti giorni: così si ammorbidiva e successivamente poteva essere facilmente spaccato verticalmente. In seguito le piante venivano lasciate al sole ad asciugare, in genere sparse a mazzetti e ventagli nei cortili e nelle strade. Quando s'iscraria era secca al punto giusto si formano i mazzi, “sos mannucros”, che venivano riposti dentro casa, in luoghi asciutti, dove potevano essere conservati a lungo. Prima di cominciare il lavoro di intreccio vero e proprio, l'asfodelo veniva immerso in una vasca per 5 o 6 ore, in modo da diventare tenero e flessibile.
La lavorazione iniziava dalla separazione della corteccia (sas currias) dalla parte midollare della pianta (sa matha). Le abili mani delle cestinaie avvolgevano a spirale la corteccia attorno alla parte molle e, man mano che avanzavano, cucivano una verga con l'altra, usando, per fare i buchi e cucire, un punteruolo, “su raju”, un grosso ago appuntito, ricavato da una tibia bovina spaccata verticalmente. Il lavoro era faticoso e meticoloso: l’abilità è la fantasia erano essenziali; osservare oggi una di queste donne al lavoro è curiosissimo e da l’idea della capacità artistica di donne che in passato hanno creato capolavori anche senza sapere ne leggere ne scrivere!
Quest’arte, purtroppo, ha già corso e corre ancora il rischio di estinguersi. Sono poche, ormai le donne anziane capaci di insegnare alle giovani i segreti di un’arte che era vitale per l’economia di alcune zone. Oggi, nell’ambito della valorizzazione dell’artigianato, credo che avviare giovani leve, da parte delle poche anziane rimaste, sia una cosa utile, non solo per salvaguardare la tradizione, ma anche capace di generare flussi di reddito da un turismo che ci auguriamo possa finalmente decollare. A Flussio ci stanno provando a salvaguardare quest’arte, con un’iniziativa portata avanti dal Comune; mi auguro che l’attuale situazione di crisi di tutti i comuni, non mandi in soffitta una bella iniziativa.
La Sardegna, cari amici, ha non poche risorse nascoste: una di queste è ancora l’asfodelo che, volendo, potrebbe essere una delle tante strade per lo sviluppo da percorrere!
Grazie dell’attenzione.
Mario

Nessun commento: