E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

domenica, luglio 27, 2014

LA MORIA DELLE API CONTINUA: QUALI LE CAUSE? LA LORO SCOMPARSA POTREBBE CAMBIARE IN MODO IRREVERSIBILE LA VITA SULLA TERRA.



Oristano 27 Luglio 2014
Cari amici,
le api nel mondo continuano ad abbandonare gli alveari  e a morire. Anche di recente una forte moria di api ha interessato il Friuli Venezia Giulia (a fine marzo scorso) e ha già causato il crollo della produzione di miele che, nella sola provincia di Udine, ha subito una perdita del 70% denunciata dal Consorzio apicoltori, con un danno economico di circa 1,5 milioni di euro. 
Anche in  Italia, dunque, aumentano i casi di Colony Collapse Disorder, fenomeno noto come CCD, che è riferito alla sparizione in massa di intere colonie di api, che, a quanto riferiscono gli esperti, abbandonano l’alveare senza lasciare traccia. L’alveare abbandonato, inoltre, non viene ri-colonizzato da altre api, ma lasciato inutilizzato come se fosse contagioso. Il termine CCD è stato coniato nel 2006 negli Stati Uniti, stato americano che per primo ha diagnosticato le morie, ma già intorno agli anni ’90 tutta l’Europa si era trovata a fronteggiare lo stesso problema.
L’Italia, dunque, con gli ultimi casi come quello verificatosi nel Friuli, sembra uguagliare la drammatica situazione di altri Paesi, colpiti pesantemente in precedenza da questo fenomeno, ancora non completamente chiarito nelle sue cause. La mortalità delle api risulta infatti altissima in Inghilterra (28,8%), Belgio (33,6%), Danimarca (20,2%) e Svezia (28,7%). Ci sono però anche altri Paesi i cui numeri non sono molto più felici come Germania (13,6%), Francia (14,1%) e Polonia (14,8%). I primi studi sia sul disorientamento che sulla successiva morte delle api, hanno imputato questo preoccupante fenomeno in particolare all’acaro Varroa ed alle ricorrenti infestazioni fungine degli alveari. Le indagini più recenti, invece, hanno individuato un altro terribile imputato: gli antiparassitari, usati in abbondanza in agricoltura, in particolare i neonicotinoidi.
Oggi dunque la strage delle piccole api, ha trovato un altro colpevole, forse maggiormente responsabile del disastro. Il problema è davvero grave: le api, come anche gli altri insetti impollinatori, sono fondamentali per l’agricoltura, se scomparissero sarebbe davvero una tragedia! Uno studio dell’Università di Harvard ha confermato che la decimazione delle api è da attribuire agli insetticidi neonicotinoidi. L’esposizione di questi insetti all’insetticida, che avviene principalmente durante l’impollinazione, scombussola l’apparato immunitario e intestinale, inducendo nelle api operaie la sindrome dello spopolamento degli alveari. La moria, evidenziano gli scienziati, non riguarda solo le api domestiche degli allevamenti, ma anche le specie selvatiche. Causa globale del problema, dunque, un’azione combinata di più fattori: da un’alimentazione sbagliata delle api (anche con piante OGM), alle arnie sovra fruttate, fino ad arrivare agli antiparassitari poco controllati, che provocando gli squilibri prima accennati, rendono le api più soggette a malattie: infestazioni di virus e funghi.
Che ad uccidere le api fossero soprattutto i neonicotinoidi era un’ipotesi già sostenuta negli anni precedenti: restava da scoprire con precisione la causa. A trovare questa ci ha pensato Vincenzo Girolami, ordinario di Entomologia agraria all’Università di Padova, nonché membro della Commissione Consultiva per i prodotti Fitosanitari che ha avuto una geniale intuizione. Praticamente e’ stata prelevata da alcune piante, normalmente coltivate, un campione di acqua ed e’ stata somministrata a delle api, queste sono morte nel giro di qualche minuto. L’acqua prelevata era quella proveniente dalla normale essudazione delle piante, tecnicamente detta guttazione, che spesso viene scambiata per rugiada. Proprio su queste gocce, secondo il ricercatore, si vanno a depositare e concentrare i pesticidi che vengono regolarmente spruzzati sulle piante: talmente concentrati da essere comparati ad uno spray insetticida. Di questo pericoloso cocktail  di veleni a farne le spese sono gli insetti utili che li assorbono, come api, farfalle, vespe, bombi e così via.
Secondo la recente ricerca condotta dalla “Harvard School of Public Health”, sotto accusa dunque i neonicotinoidi, con particolare riferimento a due prodotti: l’imidacloprid e il clothianidin. Lo studio conferma quanto già ipotizzato nel 2012 dallo stesso gruppo di ricerca, che aveva individuato un legame tra basse dosi di Imidacloprid e il Colony Collapse Disorder (CCD). Le api colpite, durante l'inverno abbandonano l'alveare, trovando poco tempo dopo la morte nella maggior parte dei casi. Il nuovo studio, ha riconosciuto i neonicotinoidi come sostanze molto nocive per le api, in grado di compromettere alcuni loro meccanismi biologici, che portano gli alveari al collasso. Lo studio in questione è stato pubblicato il 9 maggio dal Bulletin of Insectology. "In questo studio abbiamo dimostrato ancora una volta che i neonicotinoidi sarebbero i maggiori responsabili del CCD delle api negli alveari che si trovavano in salute prima dell'arrivo dell'inverno" - ha dichiarato Chensheng Lu, autore principale dello studio e professore dell'HSPH.
Nell'ultima ricerca gli esperti hanno studiato lo stato di salute di 18 colonie di api in tre località centrali del Massachusetts, tra ottobre 2012 e aprile 2013. Hanno poi esaminato gli effetti dei due neonicotinoidi incriminati sugli insetti e, con l'inizio dell'inverno, hanno potuto assistere al declino progressivo della popolazioni di api che erano entrate in contatto con i pesticidi. Gli esperti hanno  calcolato un tasso di mortalità pari al 94%! In sostanza lo studio in questione ha puntato fortemente  il dito contro le multinazionali della chimica, prima fra tutte il colosso della Bayer. Greenpeace ha anche pubblicato un resoconto che additava i pesticidi Bayer come i più pericolosi per l’uomo e l’ambiente (nel resoconto figurano anche compagnie come Monsanto, Syngenta e BASF, ma la Bayer detiene la maggior fetta di mercato). La Bayer ha sempre smentito, ma i danni economici che ha subito in seguito alla denuncia sono stati enormi.
Che dire, cari amici, le api sono un bene inestimabile che Dio ci ha dato per garantire la riproduzione della vita sulla terra. Esse vanno salvaguardate a qualsiasi costo. Albert Einstein, il grande scienziato, ebbe occasione di affermare che “Quando le api scompariranno, all’uomo resteranno solo quattro anni di vita”. Credo che la sua sia una terribile verità. Salvaguardiamo con tutte le nostre forze la natura, perché giocare a fare il Dio, come l’uomo sta cercando di fare da un bel po’, certamente non paga. Modificare il ciclo naturale della vita, stravolgere certi equilibri, può portarci solo fuori strada. Il mondo potrà salvarsi (se si salverà) solo usando  grande saggezza e  altrettanta umiltà.
Ciao a tutti.
Mario

Nessun commento: