E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

giovedì, gennaio 25, 2018

LA TERRA E I SUOI MISTERI. IL FENOMENO DEL LAGO RUSSO CHE DI COLPO SCOMPARE, INGHIOTTITO, E CHE DOPO TEMPO RIAPPARE. UN FENOMENO INSPIEGABILE! EPPURE NON È L’UNICO CASO AL MONDO…



Oristano 25 Gennaio 2018
Cari amici,
Chi è convinto di conoscere a fondo il nostro pianeta si sbaglia di grosso. Lo abitiamo da millenni, ma, forse, non riusciremo mai a scoprirne tutti i segreti e i tanti suoi misteri! Oggi, per esempio, voglio parlarvi di una delle sue tante “curiosità misteriose”, parlare con Voi di un fenomeno che fa non solo riflettere ma anche preoccupare, non essendovi spiegazioni logiche a giustificare il perché e il percome certi fatti si verifichino. La curiosa stranezza di cui voglio parlarvi è quella relativa al lago Sakantsi, un modesto specchio d'acqua profondo una ventina di metri che si trova in Russia nella città di Pivovarovo, posta nella regione di Oblast, a 200 km circa da Mosca.
Il ridente piccolo lago Sakantsi, pur essendo di dimensioni abbastanza modeste, è ricco di pesci, ed essendo posto in una bella zona, richiama schiere di turisti che visitano frequentemente la zona e la città, con grande piacere degli abitanti del luogo. A guastare, però, questo piacevole luogo c'è un fenomeno strano e inspiegabile, già avvenuto in passato, che riguarda il suo lago. La mattina del 12 Novembre scorso, improvvisamente verso l’ora di pranzo, il lago ha iniziato a svuotarsi, come se qualcuno di sotto avesse aperto delle paratie. Il tutto ad una velocità incredibile, tanto che il giorno dopo risultava completamente scomparso: vuoto.
Il fenomeno sconcertante e certamente stranissimo, che viene descritto in Russia come «La scomparsa dell'anno», è avvenuto intorno alle 13,30! A quell'ora ha iniziato a svuotarsi, proprio come se qualcuno avesse tolto il tappo dello scarico della vasca. Tutti si chiedono: come fa un lago a sparire nel nulla? In realtà è un vero e proprio mistero idrogeologico, che, come hanno confermato gli esperti, si era già verificato altre due volte in passato: nel 1941 e nel 1967, e che ora, per la terza volta, ha lasciato tutti con la bocca aperta e un grande mistero inspiegabile da risolvere.
Gli esperti hanno provato in tutti i modi a dare una spiegazione al fenomeno. Gli studi effettuati hanno evidenziato che sotto il lago, ad una profondità di 80 metri, scorre un fiume sotterraneo e, forse, è proprio su quel fiume che l’acqua del lago va a convogliarsi quando scompare. Nessuno, però, ha idea di come, da un momento all'altro, possa verificarsi lo strano fenomeno dell'inghiottimento repentino delle sue acque; in che modo, insomma, si aprano delle grandi valvole che svuotano il grande specchio d'acqua, lasciando il suo bacino vuoto, melmoso e con una miriade di pesci morti.
Certo, il fatto che il lago sia posto in una regione di origine carsica, con la presenza di rocce calcaree che fanno facilmente passare l'acqua, può in parte spiegare il fenomeno, ma non si riescono a comprendere le modalità del travaso e, soprattutto, cosa ancora più difficile da spiegare, il verificarsi del suo fenomeno inverso. Si, perché come è successo in passato, il lago successivamente all'improvviso si ricostituisce! Il curioso dilemma è capire in che modo! Quali le forze sconosciute che lo svuotano e poi lo riempiono di nuovo? Mistero davvero imposssibile da comprendere! Dopo lo svuotamento dei giorni scorsi gli abitanti del luogo, memori del passato, confidano ora in una sua ricostituzione: sperano che in futuro, proprio come già successo in precedenza, l'acqua riemerga dal sottosuolo e ricrei il loro lago. 
Cari amici, come accennavo in premessa, ben poco conosciamo dei segreti del nostro pianeta, in quanto ci è nota solo una minima parte. Quello che succede sotto la “crosta terrestre” sulla quale abitiamo è ancora in gran parte un immenso mistero. L’episodio inspiegabile avvenuto in Russia, tra l’altro, non è il solo conosciuto sul pianeta terra. Un episodio analogo si è verificato anche in Irlanda. Anche nell’Irlanda del Nord c’è un lago che, quasi per magia, appare e scompare. Si tratta del lago Loughareema, chiamato anche The Vanishing Lake (Il Lago che svanisce), posto nella località di Ballycastle, situata nella contea di Antrim.
Lo strano e misterioso fenomeno non avviene in una stagione precisa dell’anno: avviene e basta, e anche qui molto rapidamente. Le sue scomparse e successive riapparizioni hanno alimentato nel tempo miti e leggende irlandesi; una delle più note è che questo lago sia infestato dai fantasmi delle persone affogate nelle sue acque. Si parla per esempio del fantasma di un militare, il Colonnello John Magee McNeille, il quale, nel 1898, volendo a tutti i costi prendere un treno a Ballycastle, ordinò al suo cocchiere di guadare il lago con la carrozza, avendo però la peggio con le altre persone che erano con lui.
Cari amici, lasciando da parte le leggende, credo che anche per questo lago la probabile spiegazione del fenomeno, seppure limitata alla “scomparsa” delle sue acque, possa essere collegata al fatto che anch’esso si trova sopra ad una cavità carsica, abbastanza simile a quella del lago russo. In Irlanda il fenomeno del Vanishing Lake è diventato fonte di attrazione turistica, e molti sono i visitatori attratti dal lago che svanisce, tanto che a fianco è stata costruita una strada per facilitarne la visita; pensate che i visitatori accorrono sempre, anche se al loro arrivo trovano il lago prosciugato. Il turismo, lo sappiano, è attratto dai misteri!
Ho iniziato la riflessione di oggi affermando che del nostro pianeta conosciamo ben poco, e la storia che ho voluto riportarvi rappresenta uno dei suoi tanti misteri. Misteri che sono certamente molto più numerosi e difficilmente comprensibili, data la nostra pochezza umana. Dio, costruttore dell'Universo, credo che mai ci darà la possibilità di conoscere tutto a fondo, forse perchè sa che la nostra mente non ne sarebbe capace. Ecco perchè sono convinto che i due fenomeni di cui ho parlato con Voi oggi siano solo la punta di un grande iceberg!
A domani.                          
Mario



LAGHI, CASTELLI E...MISTERI!

Nessun commento: