E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

lunedì, novembre 03, 2014

SALUTE E BELLEZZA. IN ARRIVO LA "BATTERIO-TERAPIA", UNA INNOVATIVA E SALUTARE CURA DI BELLEZZA PER LA PELLE DELLE DONNE, MA ANCHE DEGLI UOMINI!



Oristano 3 Novembre 2014
Cari amici,
il rito della cura del corpo, per la specie umana, è stato sempre ritenuto qualcosa di importante, da non trascurare mai. Nelle varie civiltà che nei millenni si sono avvicendate nel mondo, sia negli uomini che nelle donne, il corpo è stato sempre oggetto di grande attenzione. Dalla civiltà egizia a quella greca, da quella romana a quella orientale, medici e guaritori hanno sempre messo in atto tutti gli artifizi per poter esibire un corpo possibilmente perfetto e degno di essere mostrato.
Nella civiltà egizia la cosmesi per la bellezza, intesa come cura e igiene del corpo, era considerata una necessità: bellezza esteriore e bellezza interiore dovevano andare di pari passo, senza escludere neanche quella funeraria: l’esibizione del corpo dopo la morte. Cosmesi intesa non solo come valore ornamentale della persona: donne e uomini cercavano di migliorare la propria immagine usando quotidianamente trucchi, creme e unguenti, anche se la maggior parte dei prodotti usati avevano, oltre che un fine estetico anche quello curativo. Plinio nei Suoi scritti affermava che l’'Egitto era il più grande produttore di unguenti e pomate; le sostanze più raffinate venivano dal Delta del Nilo ed erano custodite in vasetti molto belli, realizzati in alabastro, ceramica o vetro, decorati con pezzi di pietre colorate che formavano dei disegni geometrici.
Anche la civiltà greca non era da meno. Il significato di cosmesi deriva proprio dal vocabolo greco antico kosmèo che significa ordinare, abbellire. Cosmesi assume dunque il significato di tecnica per abbellire e conservare la bellezza del corpo. Le donne dell’Antica Grecia curavano molto l’aspetto esteriore e si sottoponevano a trattamenti per il viso e per il corpo degni del miglior centro estetico moderno. Una pelle bella, liscia e profumata era la base imprescindibile per essere davvero attraenti e quindi anche il punto da cui partire per cominciare a prendersi cura di sé. Riguardo al viso, difficilmente le signore greche andavano a dormire la sera senza aver prima steso su di esso un generoso strato di maschera preparata con ingredienti naturali, che poi la mattina veniva asportata con del latte, mentre al corpo erano riservati rituali piuttosto lunghi e sofisticati.
Nell’antica Roma l’igiene personale e la cura del corpo rivestivano una grande importanza nella vita quotidiana, segno del grado di civiltà e della indiscutibile modernità raggiunte dal popolo romano. Soprattutto a partire dalla diffusione delle terme e dei bagni: ci si lavava in modo completo ogni giorno, adoperando come detergenti sostanze un po’ “rudi” ma efficaci, soprattutto soda, liscivia, particolari pietre. Le donne, attente soprattutto alla bellezza della pelle, per evitare che si rovinasse, facevano abbondante uso di oli profumati, ottimi per contrastare l’aridità cutanea e per conferire a tutto il corpo un piacevole profumo.
Potrei continuare a lungo a parlare di “Cosmesi” e dell’evoluzione costante delle tecniche usate per il miglioramento del nostro corpo, messe in atto perché la nostra immagine, sia pubblica che privata, potesse trarne giovamento. Una cosa è certa: da millenni essa continua a rivestire un’importanza primaria! Cari amici, l’argomento della riflessione di oggi riguarda proprio uno degli ultimi traguardi raggiunti in campo cosmetico-salutare, uno dei più recenti “ritrovati”, da parte degli studiosi, per dare un efficace miglioramento al nostro aspetto fisico: voglio parlarvi della “Batterio-Terapia”. Di cosa si tratta direte Voi? Ecco quello che ho potuto ricavare dalle notizie di stampa e della rete.
Un recentissimo studio, presentato al quinto congresso ASM, Conference on Beneficial Microbes in corso a Washington, ha messo in evidenza che un certo tipo batteri presenti nel suolo, 'si nutre' di sostanze contenute nel nostro sudore come l'ammoniaca; questa scoperta consente di utilizzare proficuamente questi batteri per curare infiammazioni della pelle come l'acne o le ulcere diabetiche, queste ultime ben difficili da rimarginare. La particolarità di questo studio è l’aver scoperto “il segreto” di questi batteri, che sono in grado di eliminare sostanze nocive come l'ammoniaca del sudore, trasformandole in molecole buone per la nostra pelle. In effetti una ingegnosa soluzione mai pensata prima!
Dopo questa scoperta possiamo dunque affermare che anche i batteri possono svolgere una funzione positiva e benefica, ed essere ingaggiati proficuamente per migliorare la nostra pelle, ridonandole salute e bellezza. Questi microrganismi che possiamo definire “buoni”, opportunamente allevati, diverrebbero così la base per “nuove terapie cosmetiche”. Con una certa ironia potremo definire questa nuova forma di cura della pelle proprio una ''batterio-terapia'', basata sull'uso locale di questi particolari microrganismi estratti dal suolo, capaci con la loro costante opera di ridare salute alla nostra pelle, colpita dalle affezioni cutanee più svariate.
L’efficacia della terapia è stata testata con uno studio clinico effettuato su 24 volontari, condotto dalla AOBiome LLC, usando il batterio del suolo Nitrosomonas eutropha. A metà dei 24 volontari, per una settimana, sono state fatte applicazioni locali di Nitrosomonas E. su viso e testa, chiedendo loro di non detergersi i capelli, mentre l’altra metà è stata trattata con un placebo. Alla fine la salute della pelle dell'intero gruppo è stata monitorata per le due settimane successive all'applicazione. Il riscontro ha fatto emergere non poche differenze tra i soggetti trattati: un netto miglioramento per quelli trattati con i batteri, rispetto a quelli trattati con la lozione finta. Adesso gli esperti vogliono valutare l’efficacia della batterio-terapia per l'acne in un trial clinico futuro.
Cari amici, certamente la brillante idea avrà un sicuro avvenire. I batteri, sia quelli buoni che quelli cattivi svolgono nel mondo una funzione essenziale, frutto di un’unica grande “catena di equilibrio” che fa parte del grande orologio dell’Universo. Scoprire i segreti meccanismi di questo grande orologio biologico, può consentirci di vivere meglio la nostra vita, senza inutili sofferenze. Chissà quanto ancora ci resta da scoprire nel creato,  tra cielo, mare, suolo e sottosuolo!
Grazie, amici, della Vostra sempre splendida attenzione.
Mario 


Nessun commento: