E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

venerdì, novembre 21, 2014

I DRONI, POSSIBILI NUOVI STRUMENTI DI MORTE? LE IPOTESI DI UN EVENTUALE ATTENTATO AL PAPA DA PARTE DELL’ISIS METTONO IN ALLARME IL MONDO.



Oristano 21 Novembre 2014
Cari amici,
i velivoli senza pilota, quando anni fa iniziarono a percorrere i cieli, furono considerati un grande passo in avanti nella storia della navigazione aerea senza uomini a bordo, da utilizzare soprattutto nelle zone di conflitti armati. La grande scoperta del volo radiocomandato si è successivamente estesa a macchia d’olio anche nel campo civile, considerato che poteva essere utile in mille modi: dal realizzare fotografie aeree di ampie zone della terra, alla possibilità di poter recapitare una “posta super veloce” con dei piccoli velivoli telecomandati.
L’elettronica oggi fa cose strabilianti: non solo nella miniaturizzazione dell’hardware ma in special modo nel software, capace di dare al velivolo senza pilota una autonomia e una capacità di direzione tale da farlo arrivare a destinazione con una precisione fantastica.
Il ricorso a velivoli radiocomandati in ambito civile è oggi il più svariato, anche se è soggetto a specifiche regolamentazioni: in sempre più Paesi, infatti, ne è vietato l’uso indiscriminato per non intralciare il traffico aereo o non interferire con gli strumenti di posizionamento, ad esempio i radar, dell’aviazione. Negli ultimi mesi però questi nuovi mezzi, che possiamo considerare soprattutto “di comunicazione”, sono saliti alla ribalta della Rete e promettono di diffondersi a macchia d’olio: i droni sono una di quelle evoluzioni tecnologiche che hanno trovato applicazione in molte attività civili: dal controllo del territorio al monitoraggio dei criminali, dall'analisi dei terreni alla ricerca di dispersi dopo una calamità naturale. Ma il loro uso è destinato a diventare ben più largo, e non solo da parte delle attività civili e commerciali svolte in modo legale. Anche i criminali studiano ingegnosi sistemi per il loro utilizzo.
Recentemente il Corriere della Sera con un articolo di Massimo Franco ha evidenziato i timori di un possibile attacco da parte musulmana contro il Pontefice. Il giornalista, ricordando il Suo viaggio nell’Agosto scorso nella Corea del Sud, e l’intervento dei servizi segreti che Gli vietarono di fare tappa in Kurdistan, nell'articolo esprime il timore che esista, per il Papa che ha unito in preghiera cattolici, ebrei, musulmani e ortodossi, un serio pericolo di attentato, magari proprio con l’utilizzo di un drone. La notizia, pur smentita dal portavoce della Sala Stampa vaticana Padre Federico Lombardi, che ha affermato: "Non vi è alcun motivo specifico di preoccupazione. Non mi risulta alcun 'innalzamento' della protezione del Papa. È tutto come prima", tiene in allarme milioni di fedeli nel mondo.
Certo il Pontefice Jorge Mario Bergoglio, non si è mai voluto trincerare dietro la riservata “campana di vetro” che per anni ha protetto il Papa. Fin dal primo giorno di pontificato è sceso in mezzo alla folla, in mezzo agli umili, incurante dei moniti del servizio di sicurezza. Questa Sua troppa disinvoltura nel non temere i rischi, in effetti potrebbe davvero metterlo in serio pericolo. L'articolo del Corriere della Sera intendeva dire proprio questo: si riferiva al pericolo concreto che l'Isis rappresenta - soprattutto per il tramite dei "lupi solitari" europei – capaci di prendere di mira un Pontefice che fin dall'inizio ha respinto le misure di sicurezza, che considera eccessive. La preoccupazione - si legge nell'articolo - è che qualche affiliato europeo, per imitazione, proprio attraverso un’azione dimostrativa fai-da-te, utilizzando magari un drone da radio-pilotare su piazza San Pietro durante un'udienza, possa mettere in atto e concretizzare un terribile sanguinoso attentato.
L'Isis, non dimentichiamolo, ha già inserito, oltre la battaglia alla Casa Bianca quella al Vaticano, tra i temi della sua propaganda. Dabiq, la rivista online dello Stato islamico, lo scorso ottobre ha messo sulla sua copertina digitale un fotomontaggio: un'immagine di piazza San Pietro con l'obelisco sovrastato dalla sua bandiera nera e il titolo "La crociata fallita". E i vertici dell'Isis hanno detto chiaramente che la Jihad, la guerra santa dell'Islam, non sarà finita "finché non ci troveremo sotto gli alberi di ulivo di Roma e avremo distrutto quell'edificio osceno che si chiama Casa Bianca".
Cari amici, il pericolo paventato dal giornalista del Corriere non è certamente solo teorico ma esiste realmente, anche se il Papa argentino non sembra intenzionato a cambiare il suo modo di fare. Il futuro - anche quello più cupo - non lo spaventa affatto, a giudicare da quanto avrebbe detto il 12 novembre scorso in un colloquio con un prete argentino, riportato dal quotidiano La Nation. "Attento, ti possono ammazzare", gli avrebbe detto il prete. E lui: "È la cosa migliore che mi possa capitare. E anche a te...". Un modo di dire che bisogna essere pronti a tutto, anche al martirio.
Ci auguriamo tutti che le parole del Papa non siano un preciso riferimento ai Segreti di Fatima…
Cia a tutti Voi, amici lettori. A domani!
Mario

Nessun commento: