E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

venerdì, luglio 07, 2017

DEFINIRE UNA “BAMBINATA” LO STUPRO DI GRUPPO ANCHE SE FATTO DA ADOLESCENTI, NON FA PARTE DELLA CULTURA O SUB-CULTURA DEL SUD.



Oristano 7 Luglio 2017
Cari amici,
Apprendere da un Sindaco (quello di Pimonte, tale Michele Palummo), che parlando in TV dell’episodio dello stupro di una 15enne, lo ha definito una “bambinata”, senza nemmeno portare una parola di condanna nei confronti della banda di ragazzini autori del folle gesto, mi ha fatto molto male. Un rappresentante delle Istituzioni che pubblicamente cerca in un modo, questo sì “bambinesco”, di assolvere i suoi giovani concittadini, cercando di sminuire il gravissimo fatto e addebitandolo alla arcaica cultura del meridione, non solo non svolge bene il suo compito, ma travisa anche il concetto della millenaria cultura del passato.
Nessuna cultura o sub-cultura del Sud Italia ha mai consentito o tollerato episodi come quelli di cui stiamo parlando. Anche la Sardegna viene considerata parte di questo Sud Italia e personalmente, conoscendo bene le antiche regole che governavano in passato la vita sociale, posso dirvi che tolleranze di questo tipo nel nostro codice culturale non ve ne sono sono mai state. 
Ho avuto modo di studiare a fondo il “Codice Barbaricino”, quel compendio di norme orali, tramandate da millenni (raccolte ed elaborate dallo studioso orunese Antonio Pigliaru) e che hanno regolato (e sotto certi versi ancora continuano a regolare) la vita delle nostre antiche Comunità, e posso dirvi che pur prevedendo queste norme una ampia conciliazione, una mediazione a vasto raggio, mai e poi mai uno stupro sarebbe stata considerata “una bambinata”, sopratutto se riferito ad un un minore.
Chi vuole, amici miei, può consultare il mio libro, e siatene certi, capirete che il Codice Barbaricino non è un ‘codice barbaro’, ma un compendio di norme rigorose. Ecco perché la notizia del comportamento del primo cittadino di Pimonte lascia molti, sardi in particolare, con l’amaro in bocca. Chi ha sentito questo Sindaco in TV, sa che dalla sua bocca non sono uscite invocazioni per la presa di provvedimenti, proteste, o quant’altro; la sua riflessione è stata semplicemente quella che quel giorno il testosterone dei ragazzi era in forte aumento e che, in preda agli ormoni scatenati l'esuberanza li ha portati a violentare (in dodici, pensate) una ragazzina di quindici anni, considerando quest'atto il rimedio giusto per abbassarlo. Il sindaco fa spallucce: non approva, ma comprende: "siamo al Sud, fa caldo, uomini sono”.
Quello che, però, fa ancora più male è il comportamento globale degli abitanti di questo centro abitato. Anziché provare orrore, vergogna, compassione, per una ragazzina di appena 15 anni brutalmente violentata dal branco, anzichè alzare la voce sollecitando severe punizioni, per i 12, presumibilmente della stessa età e anche amici della ragazza, hanno considerato la cosa solo ‘un piccolo incidente’, niente di più. Assoluzione quasi piena, dunque, da parte della popolazione per questi ragazzi ritenuti del tutto normali, figli di genitori altrettanto normali. Insomma niente di più che una semplice bravata.
Si, amici, se ha sbagliato il Sindaco ancor più ha sbagliato la Comunità che, anziché alzare la voce, redarguire in modo forte i colpevoli, mettendo al bando i dodici piccoli delinquenti, ha invece pensato bene di isolare la ragazza e la sua famiglia. A Lei è stata data buona parte della colpa della violenza subita. Per la famiglia e per la ragazza tutto questo è stato nuovo orrore che si aggiunto a quello precedente, facendo maturare un ulteriore tragico epilogo. Alla fine la ragazza e la sua famiglia hanno capito che non potevano più stare a Pimonte e se ne sono tornati in Germania, da dove poco tempo prima erano rientrati.
A nulla è servita la presa di posizione delle attiviste delle organizzazioni per la protezione contro le violenze sulle donne, che con una certa preoccupazione hanno preso atto che quel fatto deprecabile non era un fatto isolato ma uno dei tanti. Il cyber-bullismo avanza inesorabile mentre noi adulti stiamo a guardare: la nuova tendenza adolescenziale è quella di prevaricare il più debole, di fare violenza, più in gruppo che da soli (nella logica del branco), aggredendo ragazzine dai 13 ai 15 anni. Il tutto, come detto prima, apertamente tollerato sia dalla Comunità che dai rappresentanti delle Istituzioni, che preferiscono perdonare piuttosto che punire questi comportamenti, definendoli solo delle ‘bambinate’.
Si, cari amici, avallando certi comportamenti credo che ci ritroveremo una gioventù sempre più audace, sempre più pronta alla violazione ed al mancato rispetto delle regole di convivenza sociale. Se anche le Istituzioni si arrendono senza redarguire e punire, credo che il futuro ci riserverà ben altre sorprese. Ecco, ad evidente dimostrazione anche in questo caso, la ciliegina sulla torta: i ragazzini coinvolti nella violenza, dopo un breve periodo in comunità, hanno ottenuto la messa in prova da svolgere nello stesso comune di Pimonte.
Su questo deprecabile caso Cesare Romano, garante per l'infanzia e l'adolescenza della Campania, così si è espresso: «Circa un anno fa la Comunità di Pimonte è stata sconvolta dalla terribile vicenda. Sono costretto a constatare, purtroppo, che non si è fatto abbastanza per assicurare protezione alla giovane; i continui schemi e l'esclusione sociale che la ragazza ha dovuto subire hanno aggravato il suo disagio psicologico al punto che la famiglia ha deciso di abbandonare il paese di Pimonte e trasferirsi nuovamente in Germania dove, forse, la minore e la sua famiglia potranno riacquistare la tranquillità di cui ha bisogno».
Ogni ulteriore commento appare del tutto superfluo.
A domani.
Mario


Nessun commento: