E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

martedì, gennaio 24, 2017

IN ARRIVO L’AEROPORTO CON CABINA-CAPSULA PER DORMIRE O RIPOSARE TRA UN VOLO E L’ALTRO. UN’DEA INNOVATIVA NIENTE MALE.



Oristano 24 Gennaio 2017
Cari amici,
L’idea di trovare una soluzione per le lunghe attese in aeroporto tra un volo e l’altro, che spesso costringono anche a stare per una notte intera malamente sdraiati nelle anguste sale d’attesa, è nata in Giappone. Si, l’idea luminosa nasce con gli occhi a mandorla, anche se pare che in poco tempo si stia diffondendo in tutto il mondo. Il “capsule hotel” (così definito in quanto vera e propria ‘capsula’, ironicamente ribattezzato dagli italiani “locul hotel”) nasce nell’aeroporto di Osaka. Le dimensioni sono davvero ridottissime: la stanza è un loculo di due metri per uno dove è possibile sdraiarsi per dormire o riposare un po'.
Si tratta di piccolissimi box di 2 metri di lunghezza, 1 metro di altezza e 1,5 metri di larghezza, realizzati in batteria. Certo, non sono delle vere camerette data la loro ristrettezza, ma l’immediato successo ottenuto deriva da una componente essenziale: il modico prezzo. All'idea partorita in Giappone, però, la nota fantasia italiana ha risposto adottandola al gusto italiano. L'idea giappnese è stata ampiamente modificata, tanto da far assomigliare il nostro mini alloggio ad una vera e propria cameretta. Il debutto italiano (strano ma vero) questa volta è avvenuto al Sud, anziché al Nord: precisamente nello scalo partenopeo di Capodichino, dove il sistema è stato inaugurato col nome di Benbo.
Collocato all’interno della palazzina Pegaso, l’innovativo Bed and Boarding, è un vero e proprio piccolo hotel, sempre a disposizione dei viaggiatori che potranno così dire addio alle fastidiose lunghe ore passate nelle sale d’attesa aeroportuali, ai complicati risvegli prima dell’imbarco ed alle corse dell’ultimo minuto per il volo successivo. Gli spazi interni delle quarantadue capsule BenBo, realizzate con cura ed attenzione ai particolari da un pool di esperti, mettono a disposizione dell’utenza, oltre al letto, anche un vano bagaglio, una scrivania e una Tv.
I prezzi? Abbastanza modesti: otto euro la prima ora, sette a partire dalla seconda e 25 per le nove ore della notte.  Spazio confortevole, dunque, utilizzabile anche per riposare alcune ore. Il confort infatti non manca: smart-tv, scrivania, aria condizionata e un bel letto. Anche l’Italia, dunque, ha inteso dotarsi di questo alloggio volante, economico e ben dotato. Stranamente, come detto prima, partendo dal Sud. «Questa è una soluzione innovativa», dichiara la Project Manager Carlotta Tartarone, «che sicuramente diventerà un punto di forza di questo aeroporto. L'idea di rivalutare uno degli spazi inutilizzati di questo edificio (quello utilizzato per la realizzazione) nasce non solo dall'idea di rinnovazione strutturale, ma soprattutto dalla voglia di creare un servizio utile all'utenza».
L’inaugurazione è avvenuta l’11 di Gennaio e si spera che possa ottenere un grande successo. A differenza dei “capsule hotel” di marca giapponese i Benbo italiani sono delle vere mini stanze di 4 metri quadrati, dove si sta in piedi e si può, oltre che riposare anche lavorare a scrivania. 
La struttura è disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Nell’aeroporto di Capodichino il progetto prevede 72 mini alloggi, di cui 2 riservati ai disabili, anche se si è partiti con i primi 42. Gli alloggi sono prenotabili via web o app o con acquisto diretto sul posto, alla reception presidiata nelle 24ore. 
Il pool di imprenditori che in collaborazione con la società aeroportuale ha lanciato il progetto è sicuro del successo della formula. “La capsula è dotata di porta automatizzata e di finestra con oscuranti come una normale camera di hotel” - come spiega la manager Tartarone  -  “Il letto è un ampio 200 x 70 e non manca un tavolino da lavoro di 50 x 60 cm”. Completano la dotazione specchio, appendiabiti, docking station per smartphone, tv multimediale con entertainment, connessione internet, aria condizionata e, tocco di ironia, “illuminazione d’atmosfera”. I servizi igienici sono ovviamente esterni.  Al check-out scatta la procedura di pulizia, sanificazione e cambio biancheria della cabina. 
Cari amici, con questo innovativo sistema troverà molti sostenitori, sopratutto tra quelli che viaggiano in continuazione. Si presume che la nuova struttura possa essere presto realizzata e messa in atto anche nei 2 grandi aeroporti di Roma e Milano. Una bella comodità, senza ombra di dubbio, che farà dimenticare le rigide e ‘rompischiena’ strutture delle sale d’attesa degli aeroporti italiani. Chi le ha provate (spesso per ore o una notte intera) sa quanto la sua schiena abbia poi impiegato a riprendersi dalle contorsioni, in particolare quando dovute ai fastidiosissimi braccioli che impedivano di sdraiarsi…Insomma una bella trovata!
A domani.
Mario


Nessun commento: