E' sempre l'ora...dI dare e ricevere...amicizia!

sabato, gennaio 28, 2017

ECOSISTEMI ED EQUILIBRIO: L’INVASIONE DELLE SPECIE ALIENE MINACCIA QUELLE AUTOCTONE; SOLO IN ITALIA SONO OLTRE 3.000 LE SPECIE INVASIVE.



Oristano 28 Gennaio 2017
Cari amici,
Complice spesso la leggerezza, ma indubbiamente conseguenza della globalizzazione, che in poco tempo ha fatto della terra un unico mercato, si assiste da tempo ad uno sconvolgimento dei consolidati ecosistemi, messi seriamente in pericolo dalla disinvolta immissione di nuove specie provenienti da altre parti del pianeta. Insomma, un trasferimento di specie in grado di mandare in tilt il millenario e consolidato equilibrio biologico naturale, nel quale in ogni parte del mondo i vari organismi stanziali vivevano autoregolandosi perfettamente; situazione dove predati e predatori si compensavano a vicenda, equilibrio ora brutalmente stravolto, complice l'uomo, che ha operato con egoismo e superficilità.
La continua movimentazione delle merci attraverso tutti i continenti ha fatto sì che, accidentalmente o volontariamente, diverse specie “aliene” siano state introdotte in ambienti totalmente nuovi, ben diversi dall’area di origine, causando impatti di grande pericolosità sul precedente equilibrio ambientale e conseguentemente sulla vita dell’uomo. Sconvolgere la consolidata biodiversità̀ risulta oltremodo pericoloso, in quanto prima inquina e poi distrugge il precedente habitat, minacciando l’esistenza di moltissime specie autoctone, spesso destinate all'estinzione. Il danno creato è di portata notevole, le cui conseguenze non sono del tutto quantificabili.
Le specie aliene invasive, come è stato rilevato, danneggiano il nostro patrimonio naturale in modo crescente: nella sola Unione Europea il costo è stato stimato in oltre 12 miliardi di euro. Le statistiche evidenziano che in Europa il numero di specie aliene è cresciuto del 76% negli ultimi 30 anni. Nel Mediterraneo, complici anche i cambiamenti climatici, è in atto una massiccia invasione di specie arrivate da altri mari, che minacciano in modo preoccupante le specie autoctone. In Italia risultano presenti più̀ di 3.000 specie aliene, introdotte spesso volontariamente, di cui oltre il 15% invasive, come ha rilevato la Banca Dati Nazionale delle specie.
Complessivamente in Italia il numero di specie aliene è aumentato del 96% negli ultimi 30 anni. Le nuove specie stanno creando non pochi problemi: tra le più pericolose, ad esempio, il gambero rosso americano, lo scoiattolo grigio, la tartaruga palustre americana, la caulerpa e la robinia; pericoloso impatto creano sulle attività̀ economiche la nutria, la cozza zebrata, i fitofagi come il cinipide del castagno e la cimice del pino, mentre incidono pericolosamente sulla salute umana l’ambrosia (specie nordamericana con un enorme potere allergenico) e la zanzara tigre. Ma i tassi di crescita del fenomeno fanno sì che ci troviamo a fronteggiare minacce sempre nuove. Il calabrone asiatico, arrivato in Italia nel 2012 è una grave minaccia per le api, o il Marmorkreb (il gambero che si “clona” da se) è risultato altamente infestante.
Si, anche i nostri mari come dicevamo sono caratterizzati da elevati tassi di invasione di specie aliene; il numero di specie marine aliene nel Mediterraneo è più̀ che raddoppiato tra il 1970 e il 2015, con 150 nuove specie registrate solo negli ultimi 15 anni. Molte specie marine arrivano attraverso il canale di Suez: ben 186 specie aliene sono arrivate in Italia attraverso questa via d’acqua e il numero è destinato ad aumentare drammaticamente nei prossimi anni a causa del raddoppio del canale, recentemente completato.
Per combattere in modo adeguato le gravi minacce portate dalle specie aliene sia gli Stati che l’UE hanno adottato diverse normative, regolamenti e risoluzioni. In particolare, nel 2014, il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione Europea hanno approvato il Regolamento 1143/2014, entrato in vigore dal 1 Gennaio 2015. Il Regolamento prevede che i Paesi Membri attuino una serie di misure gestionali per le specie aliene invasive più̀ pericolose, che comprendono il blocco del commercio, del possesso e del trasporto, il rilevamento precoce e la rapida rimozione e l’identificazione delle principali vie di introduzione, sulle quali concentrare gli sforzi di prevenzione.
Il problema di fondo, però, non è solo l’emanazione di una legge o di un regolamento, ma la sensibilizzazione delle persone. È necessario che tutti abbiano un’idea precisa di cosa significhi introdurre una specie invasiva e quali danni sia in grado di provocare. È da queste premesse che è nato il Life ASAP (Alien Species Awareness Program), progetto di salvaguardia co-finanziato dalla Commissione Europea di cui ISPRA è promotore insieme a Legambiente e altri autorevoli partner. Il progetto si pone l’obiettivo di ridurre il tasso di introduzione di specie aliene invasive e mitigare i loro impatti, aumentando la consapevolezza dei cittadini.
Cari amici, credo il pericoloso fenomeno che turba l'equilibrio naturale riguardi proprio tutti, se pensiamo che l’invasione delle specie aliene è diventata la seconda causa di estinzione delle nostre specie autoctone. Tra le specie invasive attualmente più pericolose possiamo indicare la zanzara tigre, il calabrone asiatico che uccide le api e il giglio d’acqua, che invade gli stagni; in quest’ultimo caso noi in Sardegna, e in particolare in Provincia di Oristano, ben sappiamo i terribili danni che continua a creare.
Si, amici miei, tutti, ma proprio tutti, dovremmo pensarci bene prima di introdurre specie aliene nei nostri territori e nelle nostre dimore! Prima di collocare in giardino piante esotiche, pesci particolari in un acquario, oppure animali da compagnia provenienti da altre parti del mondo, per poi magari liberarcene in campagna, nei fiumi o nel mare…dovremo riflettere seriamente, pensando al male che possiamo causare agli altri ed a noi stessi…
A domani.
Mario



Nessun commento: